Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 25 Maggio 2019

NAPOLI, 1400 ROM SOTTO SGOMBERO: "DAL COMUNE NESSUNA SOLUZIONE"

Scritto da  Redazione Apr 19, 2016

Mancano solo 4 giorni allo sgombero e al Comune è stata respinta dal "Comitato abitanti di via delle Brecce" la proposta dell'assessorato alle Politiche sociali: "Secondo il piano dell'Amministrazione, dopo lo sgombero, verrebbero ricollocate solo 350 persone in un altro campo". Il rischio di tensioni in città e di una nuova "emergenza".

Per il mega campo rom di via di Gainturco, la "Idomeni di Napoli" raccontata su qui lo scorso 11 aprile, non è ancora arrivata la mediazione in vista dello sgombero. Mancano solo 4 giorni e al Comune è stata respinta dal "Comitato abitanti di via delle Brecce" la proposta dell'assessorato alle Politiche sociali: "Secondo il piano dell'Amministrazione, dopo lo sgombero, verrebbero ricollocate solo 350 persone in un altro campo, in Via del Riposo. Questa soluzione è totalmente inaccettabile sia perché lascia senza casa quasi 1000 persone, sia perché attrezzare un nuovo campo provvisorio è solo uno sperpero di denari che non assicura una dimora fissa e dignitosa a chi verrà cacciato".

La baraccopoli, infatti, è abitata da circa 1400 persone e quindi resterebbe il rebus per oltre mille uomini, donne e bambini. Inoltre al Comitato non sono arrivate rassicurazioni circa i prossimi incontri istituzionali, previsti con la prefettura, rispetto a una proroga dello sgombero, che gli abitanti stessi avevano richiesto. "Oggi – scrivono gli abitanti del Comitato - al netto di prospettive di selezione basate sulla volontà di tener fuori "chi ha reati di furto e chi non lavora", seguendo un criterio totalmente arbitrario, escludente, e carico solo di pregiudizi, non esiste alcuna proposta concreta da parte del Comune di Napoli".

Il rischio, ormai quasi una certezza, è che tra un rimpallo di responsabilità e l'altro tra Prefettura (per la eventuale proroga) e il Comune (per un'alternativa abitativa) si arriva a un nuovo caso "emergenziale". Alla vigilia di una tornata elettorale i rom sono sicuramente il bersaglio giusto per retoriche e campagne acchiappa voti, terreno scivoloso anche per un'Amministrazione di sinistra. "Gli abitanti di via Brecce – conclude la nota - necessitano di una risposta immediata e concreta per il loro futuro, una risposta che riguardi tutti gli abitanti senza nessuna forma di esclusione e di marginalizzazione, e non si lasceranno ingannare da queste misere manovre. Sappiamo bene chi è responsabile della proroga dello sgombero e chi è responsabile delle politiche abitative della città"

Ora manca davvero poco per evitare tensioni che possono scatenare nuove ondate di odio razziale (ed elettorale) come già accaduto nella periferia napoletana in questi anni.

G.M.

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Maggio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31