Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 16 Settembre 2019

SPORT E DISCRIMINAZIONI: A CASERTA GLI STUDENTI INCONTRANO I MIGRANTI In primo piano

Scritto da  Redazione Mar 29, 2018

Si è svolto all'I.C. Vanvitelli di Caserta un incontro relativo al progetto Uisp “SportAntenne”, con la partecipazione del Presidente Uisp Caserta Piero Giani, il supervisore locale del progetto, il cofondatore della RFC Ska Lions Marco Proto e i rappresentanti delle squadre multietniche ed antirazziste cittadine, RFC Lions e Stella del Sud.

L'evento è stato organizzato in collaborazione con la scuola secondaria di primo grado dell'Istituto scolastico di Parco degli Aranci, da tempo impegnata sui temi della diversità, della tolleranza, della lotta a ogni genere di discriminazione. La conduzione del dibattito, dopo i saluti di rito, è stata affidata agli studenti della classe terza, sezione F, dell'istituto, che hanno presentato un resoconto delle loro ricerche sui temi dello ius soli e dello ius sanguinis, cui ha fatto seguito l’intervento del presidente del comitato provinciale Uisp Giani e quello di Marco Proto per Sportantenne.

I due hanno illustrato le finalità dell'intervento e delle attività del progetto, teso a combattere il razzismo attraverso la segnalazione all’ “antenna” Uisp da parte di testimoni o vittime di episodi di razzismo, intolleranza, discriminazione. Sono stati proiettati video legati all'iniziativa di Sportantenne e sono stati presentati alcuni dati legati al progetto, ormai in via di conclusione alla fine del mese di marzo.

Marco Proto si è soffermato su alcuni episodi di razzismo di cui è stato testimone lui stesso e di cui sono stati vittime gli stessi rifugiati e richiedenti asilo che attualmente militano nelle squadre antirazziste casertane di calcio (RFC Lions) e di basket (Stella del sud). La parola è passata, poi, alle testimonianze degli stessi calciatori e cestisti italiani e stranieri, che hanno dato vita a due realtà sportive tra le più interessanti del nostro territorio, in tema di inclusione.

Gli studenti dell'I.C. Vanvitelli hanno chiesto ai giocatori di origine africana e asiatica la loro storia, come siano arrivati in Italia, cosa li abbia spinti a lasciare il paese d'origine e che valore, in termini di integrazione, abbia avuto lo sport nella loro esperienza nel nostro paese. La vicenda di Hamza, giovane attaccante pakistano della squadra degli RFC Lions, somiglia infatti molto alla vicenda narrata in "Nel mare ci sono i coccodrilli", bellissimo romanzo di Fabio Geda che gli studenti della Vanvitelli conoscono bene e che è un valido strumento di contrasto rispetto a ogni forma di razzismo e di discriminazione: il protagonista del libro, originario dell'Afghanistan, dopo aver attraversato due continenti in giovane età, giunge finalmente in Italia dove trova accoglienza, amici e una nuova famiglia

L'ultima modifica Giovedì, 29 Marzo 2018 10:49
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30