Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 20 Ottobre 2018

Foto Riccardo Siano per repubblica.it Foto Riccardo Siano per repubblica.it

NAPOLI: ECCO COME LA PERIFERIA DIMENTICATA SI RIBELLA ALLA FAIDA In primo piano

Scritto da  Giuseppe Manzo Apr 20, 2018

Bambini, giovani, studenti, cooperative sociali, associazioni, operatori culturali, parrocchie, insegnanti e cittadini. Oltre mille in un colorato corteo fatto di musica e dignità ha attraversato il quartiere San Giovanni a Teduccio, periferia est di Napoli, epicentro di una faida criminale, per dire “io non ci sto”. Dal parco Massimo Troisi, sotto al grande murales di Jorit, la manifestazione ha attraversato il Bronx ed è giunta nel rione Villa dove il 31 dicembre un 12enne fu ferito da colpi di pistola durante una “stesa” e dove quotidianamente ci sono sparatorie. Don Modesto Bravaccini, parroco della chiesa di San Giuseppe e Madonna di Lourdes mostra un bossolo trovato nel campetto della parrocchia, conseguenza di un’ennesima sparatoria.

La ribellione, però, non nasce ieri. Arriva da un percorso partito un anno fa proprio nel parco Troisi all’indomani della prima opera di Jorit, il “Dios umano” con il volto di Maradona ripreso anche da testate internazionali come The Guardian. Associazioni culturali, cooperative sociali, comitati, educatori e parrocchie di tutta l’area orientale (municipalità 6) si ritrovarono in un evento di richiamo per la città: “Bronx chiama Napoli”. Da quel giorno hanno iniziato un percorso di rete civica che hanno chiamato Napoli Zeta – Zone Est Tavolo Aperto.

Zeta è anche l’ultima lettera dell’alfabeto, spesso dimenticata come fanno le istituzioni verso questa periferia. Alla manifestazione di ieri, a parte qualche assessore e consigliere municipale, mancavano il sindaco de Magistris ed esponenti della Giunta regionale. Oggi le testate locali e i siti nazionali danno spazio a questa realtà che grida la propria esistenza e resistenza quotidiana.

Un tessuto sociale resiliente

A Napoli Est ci sono esperienze culturali come Arcimovie e Nest che fanno produzione cinematografica e teatrale. A San Giovanni è stato girato MalaMènTi l’opera prima dell’attore Francesco Di Leva, nato e cresciuto nel quartiere. Dopo i numerosi riconoscimenti ricevuti nel 2017,  vince il premio Corti del futuro ​Nastri d’Argento 2018 consegnato alla Casa del Cinema di Roma. ​

“Siamo felici di ricevere questo premio alla sua prima edizione​ – spiega Di Leva -  dedicato all’innovazione del linguaggio filmico, per un corto come Malamenti che è nato proprio dalla possibilità di sperimentare. Questo riconoscimento da parte del sindacato dimostra, ancora una volta, quanto un’idea vincente possa trovare sostegno e gratificazioni, anche con pochi mezzi a disposizione”.

E ancora troviamo la sala Ichos che da 20 anni promuove il teatro underground con una stagione teatrale ricca di appuntamenti. Ci sono le esperienze di prevenzione del disagio minorile con i maestri di strada, le coop sociale “Terra e Libertà” e “Se po fa”, “Figli in famiglia”, Fondazione “Famiglia di Maria”, Terra di confine. C’è l’esperienza di un brand come “The est side” dove alcuni ragazzi provano a creare lavoro costruendo anche un’attività sociale parallela di pulizia delle spiagge e recupero degli spazi. Ci sono i giovani ricercatori di Noi@Europe che hanno illustrato il divario tra le due Napoli: quella di Posillipo e del Vomero e quella in piena sofferenza sociale delle periferie.

E ancora troviamo l’università con la Apple che ha portato decine di studenti dal centro alla periferia. Dentro questa quotidiana attività di “resilienza” persistono problemi strutturali e profondi della dismissione di una ex area industriale: disastro ambientale, disoccupazione, emigrazione, disagio e devianza, esclusione sociale. Nella capitale del Sud che soffre la disuguaglianza territoriale emergono micro-aree diseguali dove operano costruttori di comunità. Come cantava De Andrè: “dai diamanti non nasce niente”.

​ ​

 

L'ultima modifica Venerdì, 20 Aprile 2018 12:33
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31