Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 23 Luglio 2019

BOLOGNA, ARIA PURA CON GAIA

Scritto da  Giuseppe Manzo Nov 09, 2012

Bologna si dà aria pura con ill progetto GAIA: una partnership pubblico privato per la lotta ai cambiamenti climatici attraverso la forestazione urbana: Pubblico e privato insieme per migliorare la qualità dell'aria e l'ambiente urbano, questo l’obiettivo del progetto Life GAIA.

GAIA, acronimo di Green Areas Inner-city Agreement, è un progetto cofinanziato dall’Unione europea nell’ambito del programma Life+, volto a contrastare i cambiamenti climatici attraverso la piantagione di nuovi alberi sul territorio del Comune di Bologna.

Tra gli interventi di mitigazione e adattamento possibili, infatti, il verde urbano gioca un ruolo importante perché, grazie alla funzione biologica delle piante, contribuisce ad assorbire le emissioni di CO2 e altri inquinanti, a migliorare la qualità dell’aria, a rinnovare l’ambiente urbano e mitigare l’effetto “isola di calore” tipico delle città. Inoltre, la necessità di creare nuove aree verdi per migliorare le condizioni di vita nelle città è pienamente in linea con il crescente interesse delle aziende ad intraprendere un percorso verso la sostenibilità ambientale.

Il progetto GAIA, promosso dal Comune di Bologna, insieme a Cittalia – Fondazione Anci Ricerche, Impronta Etica, Istituto di Biometeorologia – CNR e Unindustria Bologna, si basa sull’attivazione di una partnership pubblico privato tra il Comune e le aziende locali che aderiscono volontariamente all’iniziativa attraverso la firma di un protocollo. Le aziende aderenti  si impegnano a compensare le emissioni derivanti dalle proprie attività o da parte di esse attraverso la forestazione urbana.

Attraverso la definizione di strumenti e modalità operative semplici e innovative, la forestazione urbana diventa un vero e proprio strumento di governance ambientale per favorire la riduzione delle emissioni di gas climalteranti e dell’inquinamento dell’aria.

La collaborazione tra i diversi partner, inoltre, ha portato all’individuazione di criteri condivisi per la selezione delle aree, alla scelta delle piante con maggiore potenziale di assorbimento di inquinanti e minore rischio allergenici, e della modalità di calcolo e contabilizzazione dell’assorbimento di CO2 scientificamente attendibili e facilmente adottabili dalle aziende, grazie alla definizione di uno strumento di calcolo semplice ed efficace. Lo strumento, che consiste in un foglio di calcolo accompagnato da una guida all’utilizzo, consente alle aziende aderenti di calcolare autonomamente la quantità di CO2 connessa ai propri prodotti o servizi. In funzione dell’investimento previsto per il progetto, le aziende potranno decidere cosa neutralizzare e lo strumento quantificherà il corrispondente numero di alberi e l’equivalente di CO2 assorbita, offrendo una serie di possibili attività di compensazione tra le quali l’azienda potrà scegliere.

Circa venti aziende hanno già aderito al progetto, molte di queste sono imprese socie di Impronta Etica: Cadiai, Coop Adriatica, Granarolo, Gruppo Unipol, Hera, Indica, Manutencoop.

GAIA propone, quindi, un modello di partnership innovativo, che coniuga sostenibilità ambientale, creazione di valore per il territorio e l’azienda.

Anche per questo, il progetto vuole diventare un esempio da seguire, aprendo la strada a percorsi simili in altri comuni del territorio nazionale. In quest’ottica, verranno redatte nei prossimi mesi le linee guida per lo sviluppo di una partnership sul modello GAIA, grazie alle quali enti pubblici o aziende potranno replicare l’esperienza della partnership GAIA nel proprio territorio.

Le linee guida saranno disponibili dal mese di aprile 2013 sul sito www.lifegaia.eu, dove sono reperibili tutte le informazioni di dettaglio sul progetto (i partner, le aziende aderenti, i protocolli, le aree verdi realizzate, gli strumenti per il calcolo della CO2 prodotta, ecc.).

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giulia Casarini

in collaborazione con Impronta Etica

L'ultima modifica Lunedì, 24 Luglio 2017 12:08
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31