Stampa questa pagina

COOPSELIOS: CRESCITA NEL SEGNO DELLE DONNE

Scritto da  Redazione Lug 05, 2017

Una cooperativa che conferma nel 2016 la sua capacità di coniugare crescita economica, valori e innovazione: il valore della produzione nel 2016 si attesta a 120 milioni di euro, con una crescita netta di quasi il 2%. L’89% dei lavoratori sono donne, sostenute da efficaci iniziative di conciliazione dei tempi di vita e lavoro, innovative politiche di parità di genere.

Il 30 giugno nella la Corte di Villa Spalletti a San Donnino di Liguria (Reggio Emilia), si è tenuta l’Assemblea Generale dei Soci Coopselios. L’Assemblea è stata l’occasione per presentare i risultati dell’esercizio 2016 e delineare gli sviluppi del Gruppo nei prossimi anni.

Una cooperativa, Coopselios, che conferma nel 2016 la sua capacità di coniugare crescita economica, valori e innovazione: il valore della produzione nel 2016 si attesta a 120 milioni di euro, con una crescita netta di quasi il 2% rispetto al 2015; significativa l’evoluzione del patrimonio netto della Cooperativa che, a livello consolidato, supera i 32 milioni di euro, a conferma della solidità aziendale. Coopselios rafforza la propria posizione di leadership nel mercato italiano dei servizi alla persona garantendo ogni giorno servizi di qualità a circa 7.000 persone (tra anziani, disabili, infanzia e minori).

Al 31/12/2016 il fatturato distinto per regioni è così suddiviso: 44,7 % Emilia Romagna; 29,6 % Lombardia; 12,7 % Veneto; 9,4 % Liguria; 1,7 % Toscana; 1,8 % Lazio; 0,1 % Trentino Alto Adige. Nel 2016 Coopselios ha avviato importati iniziative per lo sviluppo e l’innovazione della Cooperativa e delle società del Gruppo. Di particolare rilievo strategico è il Fondo Innovazione Salute, costituito con Savills Investiment Management SGR, che incrementerà ulteriormente la capacità di investimento della Cooperativa nello sviluppo di iniziative a lungo termine volte ad accompagnare la trasformazione dei bisogni di cura verso soluzioni più efficaci, mantenendo l’equilibrio patrimoniale e finanziario che la contraddistingue. Il 2016 si è caratterizzato per un forte investimento in ricerca e sviluppo, in particolare volto a promuovere l’informatizzazione e l’innovazione tecnologica nei servizi alla persona gestiti dalla Cooperativa.

Alcuni dei progetti più innovativi presentati durante l’Assemblea sono : - ICare, la piattaforma tecnologica per la gestione dell'Assistenza Domiciliare; - D4Care, la cartella socio-sanitaria informatizzata per le strutture residenziali per la Long Term Care; - Zerosei on web, la piattaforma per aggiornare in tempo reale le famiglie che fruiscono dei servizi per l’infanzia Coopselios.

E’ proseguito nel 2016 il progetto Early Childhood Educational Programme, nato dalla collaborazione tra Coopselios e Family Development Foundation per sviluppare, negli Emirati Arabi Uniti, un modello educativo 0- 6 anni ispirato all’approccio “Learning-by-Languages”, di proprietà della Cooperativa. Il 2016 ha segnato la fine della fase di progettazione, avviando quella di realizzazione per la costruzione e la consulenza alla gestione di una rete di centri educativi per la prima infanzia.

Investire nel capitale umano è uno dei valori fondanti della Cooperativa reggiana che nel 2016 conta 3.175 lavoratori (con un +2.58% rispetto al 2015) di cui il 64,85% soci. Coopselios conferma il suo impegno a garantire condizioni lavorative professionali ai massimi livelli del settore e forte stabilità di occupazione, grazie a oltre il 55% dei contratti con durata residua di medio-lunga scadenza e oltre il 30% in iniziative autonome

Centrale è il ruolo della donna nello sviluppo della cooperativa. L’89% dei lavoratori sono donne, sostenute da efficaci iniziative di conciliazione dei tempi di vita e lavoro, innovative politiche di parità di genere e da un articolato piano di Welfare Sociale che integra il sistema di welfare aziendale, in un’ottica di Pari Opportunità. Coopselios ha promosso nel 2016 il benessere dei suoi lavoratori e dei soci, attraverso la convenzione con un servizio privato di Mutua, che integra l’offerta del Servizio Sanitario Nazionale nel campo dell’assistenza sanitaria e socio-assistenziale.

Il Piano integrativo è rivolto a tutti i lavoratori,i soci volontari sotto i 75 anni e può essere esteso anche ai familiari. Da segnalare il progetto del Fondo Solidale per le malattie lunghe, come ulteriore sostegno ai soci lavoratori con l’istituzione di un fondo a favore dei soci con patologie che necessitano di periodi di malattia oltre i 6 mesi. In occasione dell’ Assemblea i soci hanno approvato, altresì, la proposta del Consiglio di Amministrazione di erogare somme integrative delle ordinarie condizioni di lavoro per complessivi 700.000 euro circa oltre ad una remunerazione del capitale sociale sottoscritto dai soci pari al 2,5%.

Redazione Emilia Romagna

@nelpaeseit

 
 
 
Redazione

Redazione