Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 19 Settembre 2021

OPERATORI "PRIVI DI TITOLO": ECCO LA LEGGE REGIONALE IN FRIULI

Scritto da  Redazione Mag 16, 2016

Al via la discussione della legge regionale per trovare soluzione agli operatori "privi di titolo". Soddisfazione di Legacoopsociali, Federsolidarieà, Agci, Acli e Gruppo spontaneo educatori che stanno portando avanti la vertenza in Friuli Venezia Giulia.

Vertenza, operatori sociali "privi di titolo". Mercoledì 11 scorso si è svolta l'audizione delle associazioni del settore presso la III Commissione del Consiglio Regionale, in merito al disegno di legge di modifica dell'art. 36 della legge regionale 6/2006.

Sono state sentite le associazioni: Acli-Circolo Nuova Cooperazione, Agci-Solidarietà, Anep, Gruppo Spontaneo Educatori di Pordenone, Confcooperative-Federsolidarietà, Legacoopsociali, i sindacati Cgil e Cisl ed i responsabili dei due corsi di laurea di Udine (Educazione professionale) e Portogruaro-Trieste (Scienze dell'educazione).

"La proposta presentataci – affermano le organizzazioni - era quella nota, con qualche modifica secondaria dell'ultimissima ora (ad esempio l'inclusione degli operatori dell'inserimento lavorativo dei disabili ex Legge 68/99). Valutiamo invece positivamente quanto proposto sul piano della tutela del posto dei lavoratori attualmente occupati. In primo luogo il presidente della commissione, dott. Franco Rotelli, ha proposto di modificare la norma attuale aggiornandola all'entrata in vigore di questa nuova legge. Ciò affinché la riqualificazione degli operatori "privi di titolo" non venga garantita solo a coloro in servizio da almeno due anni alla data di entrata in vigore della norma attuale, del 2006, ma a tutti coloro in servizio da almeno due anni alla data di oggi".

E poi aggiungono: "sappiamo poi che nel pomeriggio dell'11 la proposta è stata approvata a maggioranza dalla commissione, con l'impegno della Giunta a presentare tre ulteriori modifiche in aula, che risponderebbero alle nostre richieste più urgenti: il già accennato spostamento del termine di presenza in servizio da due anni; lo spostamento di un anno dell'obbligo di possedere il titolo di OSS, dal 31.12.2018 al 31.12.2019, prendendo atto della nostra contestazione sul fatto che i corsi siano stati bloccati per tutto l'anno trascorso; una norma che preveda che, in sede di bandi di appalto, debba essere prevista la garanzia di riassunzione per tutto il personale in servizio".

Complessivamente, se le norme presentate in aula giovedì 19 maggio dovessero essere queste, così come è stato annunciato, allora la garanzia del posto di lavoro dovrebbe essere sicura; rimarrebbero invece aperte altre importanti questioni. La legge verrà proposta in aula giovedì 19 prossimo, a partire dalle ore 10.

Redazione

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30