Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 08 Agosto 2020

IL “GIARDINO DEI SEMPLICI” A ROMA: UN’OASI DI INTEGRAZIONE SOCIALE PER PERSONE CON DISABILITÀ In primo piano

Scritto da  Redazione Lug 09, 2020

Sul nelpaese.it prosegue la pubblicazione delle prove finali degli studenti del Master Sociocom in comunicazione sociale dell'Università Roma Tor Vergata: qui l'articolo di Isabel Alfano

 

Il “Giardino dei Semplici” è un progetto di grande impatto sociale nato nel 2017 dalla collaborazione tra la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma e Ro.Da Onlus - Associazione Roma Diversamente Abile.  

La finalità del progetto è la realizzazione di un percorso di formazione inclusivo per offrire a giovani diversamente abili, una concreta opportunità di integrazione sociale e occupazionale, valorizzando allo stesso tempo, uno spazio verde di grande importanza storica e ambientale per la città di Roma.

Ai giovani viene data la possibilità di imparare a manutenere e curare una sezione dello splendido “Giardino dei Semplici” dell’antico complesso edilizio Collegio Romano, luogo strettamente collegato alla Spezieria, punto di riferimento per la sanità romana dal XVII al XIX secolo.

In uno spazio inizialmente incolto messo a disposizione dalla Biblioteca Nazionale, l’obiettivo è quello di coinvolgere in attività di giardinaggio giovani diversamente abili dai 16 anni in poi che, terminato il percorso scolastico, dimostrino interesse per attività pratiche.

Il progetto si pone, dunque, come un vero e proprio ponte di integrazione tra la fine del ciclo scolastico e l’ingresso nel mondo occupazionale e nella vita sociale, come spiega Marco Ucciero, coordinatore dell’associazione Ro.Da Onlus:

 “Dopo la fine del ciclo scolastico sembra che per i ragazzi la disabilità sia sparita, anche dopo il raggiungimento della maggiore età i ragazzi continuano ad essere trattati spesso come “bambini”. La nostra missione è, dunque, quella di assicurare il diritto dei ragazzi alla vita indipendente e al lavoro, mirando all’inserimento degli stessi nel tessuto sociale, attraverso la creazione di un ponte di continuità tra la fine della scuola e l’ingresso nella vita sociale e occupazionale. Ancor più, l’intento è quello di integrare, quanto più possibile, le risorse territoriali e del comune di Roma al fine di promuovere dei percorsi realmente inclusivi capaci di soddisfare i bisogni dei giovani disabili”.

La mission fondante del progetto è l’aspetto integrativo e occupazionale. Il lavoro nobilita l’uomo, ma per chi è diversamente abile assume una valenza ancora più profonda: libera le energie, aumenta l’autostima, restituisce dignità e autorealizzazione ed ha un forte impatto sul benessere fisico ed emotivo.Allo stesso tempo è fonte di relazioni, scambio, confronto e forse è il mezzo più efficace per combattere pregiudizi e discriminazioni  sociali e culturali.

Purtroppo però l’inclusione dei diversamente abili nel mondo del lavoro è ancora un traguardo lontano. Traguardo che comunque il progetto ha raggiunto a partire da Febbraio 2019, attraverso la costituzione di una Cooperativa sociale di tipo B, i cui soci lavoratori sono i ragazzi, diventati ormai giovani adulti.

 Per questo motivo il “Giardino dei Semplici” non è solo un progetto di grande valore culturale e sociale, ma è una vera e propria oasi che custodisce oltre che rare e rigogliose specie floreali, boccioli di solidarietà, speranza e futuro.

Isabel Alfano

L'ultima modifica Giovedì, 09 Luglio 2020 10:56
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Agosto 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31