Stampa questa pagina

DON ROBERTO MALGESINI RICORDATO DA DON GIUSTO: "COMO È SOLIDALE, MANCANO POLITICHE SOCIALI" In primo piano

Scritto da  Redazione Set 17, 2020

Don Giusto Della Valle, l’altro prete “degli ultimi” è intervenuto questa mattina a Radio Crc Targato Italia durante la trasmissione Barba&Capelli condotta da Corrado Gabriele, e ha ricordato Don Roberto Malgesini, ucciso a Como proprio da uno degli “ultimi” a cui ha dedicato la vita.

“Roberto è morto a 51 anni, è stato un prete che ha vissuto prevalentemente a Como – ha detto Don Giusto – da 12 anni circa svolgeva un servizio di accompagnamento per chi vive situazioni di estrema difficoltà. La sua casa è stata un punto di riferimento per tanti, ma soprattutto per i disperati. Como è una città solidale, accoglie senza frontiere, ci sono tante congregazioni religiose e tante realtà nuove nate dal basso. Il problema è che si fatica ad avere un piano di politiche sociali – ha continuato – su Como ci sono tanti richiedenti asilo, alcuni di loro si trovano in situazioni di irregolarità. Queste persone vivono disagi e non c’è un pensiero politico serio adeguato”.

In collegamento anche Don Gennaro Matino che ha chiesto a Don Giusto se esista un coordinamento tra esponenti laici e cattolici sui temi sociali, quest’ultimo a tal proposito ha affermato: “è in atto una costante lotta alla marginalità, ci sono incontri frequenti, ai quali spesso partecipa anche il Comune. Le proposte vengono fatte, ma manca nell’interlocutore politico la capacità di accogliere i tanti progetti presentati. Ad esempio – ha concluso – ci sono 220 appartamenti comunali sfitti perché non sono messi a norma, basterebbe poco per utilizzarli”.

 

L'ultima modifica Giovedì, 17 Settembre 2020 14:13
Redazione

Redazione