Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 11 Luglio 2020

FASE 2, DISABILITÀ: IN SICILIA PRONTI ALLA RIPARTENZA I SERVIZI DI RIABILITAZIONE In primo piano

Scritto da  Redazione Apr 30, 2020

A due mesi dalla sospensione attuata dalla Regione siciliana per contenere il diffondersi dell’epidemia da Covid-19, finalmente vengono riattivati i Servizi di riabilitazione ex art. 26 per le persone con disabilità gravi, tra grande sollievo e qualche preoccupazione di utenti e familiari.

Abbiamo chiesto ad alcune persone con disabilità, familiari, operatori, rappresentanti delle professioni e del mondo universitario, alcune considerazioni su come vedono questa fase delicata in rapporto all’evoluzione della pandemia in atto.

“Non vediamo l’ora di ricominciare ad avere questo contatto umano con tutti i componenti dell’equipe, ma in tutta sicurezza” ci conferma la signora Lucia Campofiorito, figlia e caregiver di una persona con disabilità “.

“Per quanto ci si possa cautelare” aggiunge la signora Rosa Lassandro, palermitana di 63 anni, in carico presso un servizio di riabilitazione domiciliare territoriale” non credo sia possibile avere la certezza sull'adeguata sanificazione degli ambienti per cui, per quanto gli operatori, soprattutto i fisioterapisti, possano adottare le misure di protezione e prevenzione, spostandosi da casa in casa, un pò di timore ci sarà sempre. Dobbiamo imparare a conviverci perché non finirà presto”.

Ed’ è stato proprio il problema della tutela delle persone più fragili ed esposte alle complicanze da Covid-19, ad avere indotto allo stop il 14 marzo scorso. All’indomani della sospensione dei servizi, alcune strutture si sono comunque attivate per non lasciare sole le persone e le famiglie, attuando modelli sperimentali di presa in carico a distanza, attraverso piattaforme web e di videoconferenza, attualmente operativi

Tali modelli di approccio, sono stati fortemente condivisi dagli Ordini Professionali, tra cui quello quello degli Psicologi. Il Presidente dell’Ordine degli Assistenti Sociali Sicilia, Giuseppe Graceffa, esprime apprezzamento per " quello che la cooperazione sta facendo per rimodulare a distanza i propri servizi nell’ambito di un lavoro di equipe, pronto ad attivare reti per rispondere ai bisogni delle persone e assicurare la continuità assistenziale”
 
“La riabilitazione è importante che si faccia "in presenza”” ci conferma il Prof. Filippo Brighina, Professore Associato di Neurologia e Coordinatore del Corso di Laurea in Fisioterapia dell'Università di Palermo, “ma al tempo del covid, in cui i rischi legati alla vicinanza delle persone sono maggiori dei benefici, è importante non abbandonare le persone a se stesse, stare loro accanto con gli strumenti possibili. L' approccio tele-riabilitativo in remoto, può rappresentare una preziosa risorsa per garantire una continuità terapeutica.”
 

E questa modalità è stata compresa e apprezzata anche dalle persone in trattamento “E’ un sostegno importante da un punto di vista sia emotivo che fisico, perché ci siamo sentiti supportati da tutti i professionisti dell’equipe e non lasciati soli in questo momento di difficoltà” aggiunge la signora Lucia. “In questo momento di solitudine assoluta, rappresenta uno sbocco alternativo alla depressione che per alcuni soggetti è galoppante e peggiorerebbe di molto la situazione” conferma la signora Rosa “fare la fisioterapia con la videochiamata è come se il fisioterapista non se ne fosse mai andato perché è fondamentale anche il rapporto che si instaura con la persona, così come il supporto continuo dell’assistente sociale, che conosce bene la famiglia e sui bisogni”

“Abbiamo lavorato per prenderci cura e intessere, anche a distanza, una rete di relazioni in cui i legami generano un benessere sociale non sempre conseguibile con la semplice offerta di servizi” conclude Giuseppe Fiolo, Coordinatore di Legacoopsociali Sicilia.” La mission della cooperazione sociale, oggi più di ieri, non è erogare prestazioni ma scomporre e ricomporre risorse per lavorare con le persone nella tutela di tutti i diritti, primo fra tutti quello della salute. Ciò che stiamo imparando in questo tempo, deve guidare il cammino della ripresa che ci vedrà impegnati a superare una volta e per tutte la dicotomia fra sanitario e sociale per promuovere Servizi veramente integrati e innovativi.”

L'ultima modifica Venerdì, 01 Maggio 2020 14:43
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Luglio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31