Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 26 Maggio 2019

STRAGE DEI GEORGOFILI, FIRENZE RICORDA L'ATTENTATO MAFIOSO DI 23 ANNI FA

Scritto da  Redazione Mag 24, 2016

Firenze non dimentica la strage dei Georgofili della notte tra il 26 e il 27 maggio 1993 e, in occasione dell'anniversario dell'esplosione organizza una due giorni di eventi coinvolgendo anche gli studenti.

La strage di via Georgofili per mano della criminalità organizzata si consumò ventitre anni fa, quando un'autobomba esplose distruggendo la Torre dei Pulci, sede dell'Accademia dei Georgofili e lasciando sotto le sue macerie i corpi senza vita di Angela Fiume, Fabrizio Nencioni e delle loro figlie Nadia e Caterina. Un altro edificio incendiò nella stessa strada, provocando la morte dello studente Dario Capolicchio.

Circa quaranta persone, inoltre, rimasero ferite nell'attentato, che viene inquadrato nella scia degli altri avvenuti nel 1992 e 1993 e nei quali morirono, tra gli altri, Falcone e Borsellino e vennero gravemente danneggiati molti patrimoni artistici.

La Toscana non vuole dimenticare il tragico evento e, grazie anche all'iniziativa dell'associazione familiari delle vittime dei Georgofili, il 26 e 27 maggio organizza, insieme al Comune di Firenze e Città metropolitana, una due giorni che inizierà giovedì 26 maggio alle 17.30, con un convegno nell'auditorium di Sant'Apollonia durante il quale saranno premiati gli studenti che hanno realizzato quest'anno il manifesto in ricordo della strage.

Sono attesi a Firenze il presidente del Senato (ed ex magistrato) Pietro Grasso, la presidente della commissione parlamentare d'inchiesta antimafia Rosy Bindi, il sottosegretario del Ministero per l'istruzione e l'università Gabriele Toccafondi, il procuratore aggiunto della Procura di Firenze Rogrigo Merlo, il sostituto procuratore generale della Corte d'Appello Alessandro Crini e il procuratore capo di Prato Giuseppe Nicolosi.

La Regione sarà rappresentata dall'assessore alla legalità Vittorio Bugli, mentre per l'associazione dei familiari delle vittime ci sarà la storica presidente Giovanna Maggiani Chelli, madre di Francesca, studentessa scampata alla strage in cui morì invece il fidanzato. Ci sarà anche il Parlamento degli studenti della Toscana, con Bernard Dica.

Il momento della commemorazione ufficiale ci sarà alle 21 in piazza della Signoria, con la Fanfara dei carabinieri e il saluto delle istituzionali locali. Poi alle 22.30 andrà in scena il Rigoletto di Verdi, dramma lirico di passione, tradimento, amore filiale e vendetta. All'una di notte sfilerà il corteo dei gonfaloni e una corona d'alloro sarà deposta in via dei Georgofili.

Un cuscino di rose sarà invece lasciato la mattina dopo, 27 maggio, alle 8.30 sulla tomba della famiglia Nencioni, che è sepolta alla Romola a San Casciano in Val di Pesa, con gli alunni di terza della scuola elementare di Cerbaia. Alla stessa ora un secondo cuscino sarà deposto sulla tomba di Dario Capolicchio a Sarzana.

 

Redazione

(Fonte: Redattore Sociale)

@nelpaeseit

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Maggio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31