Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 24 Febbraio 2020

Giovedì, 23 Gennaio 2020 - nelPaese.it

Crescere imparando a conoscersi, a giocare con il proprio corpo e a sviluppare in maniera spontanea la libera creatività tipica di ogni bambino. È l'esperienza vissuta da 20 bimbi di 0-3 anni che, insieme alle loro mamme, hanno partecipato con entusiasmo a "Piccoli demiurgi crescono", un percorso di tre incontri da un'ora ciascuno dedicato allo yoga mamma-bambino inserito all'interno del progetto Caleidos e svoltosi nelle Biblioteche di Colle Umberto, Fregona e Cappella Maggiore (Tv).

L'esperienza è nata su esplicita richiesta dei genitori, che hanno condiviso le loro necessità formative con le operatrici della Cooperativa Itaca che operano nei punti educativi di Caleidos, perché sentivano l'esigenza di acquisire strumenti semplici e più diretti per poter soddisfare i bisogni di scoperta ed esplorazione dei loro figli. Condotti da Elena Parussini, insegnante di yoga specializzata in yoga per bambini, i laboratori sono stati proposti grazie al progetto Caleidos, guidato in Veneto dalla Cooperativa Itaca, e si sono basati su una forte spinta verso la dimensione ludica. Si è trattato di un viaggio che i piccoli hanno vissuto insieme alle loro mamme per sviluppare, attraverso l'esperienza corporea, la loro creatività e intelligenza.

Grazie al ciclo di laboratori di yoga mamma-bambino, i piccoli hanno potuto iniziare ad abituarsi ad osservare la realtà circostante attraverso l'esperienza sensoriale, partendo da punti di vista differenti e per loro ancora insoliti. Sollecitare i più piccini, con adeguate stimolazioni legate ai cinque sensi e fin dai primi giorni di vita, all'osservazione del mondo che sta loro attorno, significa renderli più aperti e attenti alle informazioni che arrivano dall'esterno, e abituarli a rivolgere quell'osservazione a se stessi e al proprio mondo interiore.

Il percorso "Piccoli demiurghi crescono" si è concluso con successo e ripartirà con l'avvio del prossimo anno scolastico. Nel frattempo, i laboratori proseguono all'interno dei punti educativi del progetto Caleidos, queste le proposte gratuite attualmente disponibili.

Il punto educativo di Colle Umberto, situato presso la Biblioteca, è aperto ogni martedì in orario 17.30-18.15 con lo "Yoga per bambini 4-6 anni", ogni giovedì dalle 9 alle 11 con "Uno spazio a mia misura" per bambini 0-3 anni e loro genitori e nonni (info e contatti Valentina Lotti 335 1474830).

Il punto educativo di Fregona è, invece, aperto il mercoledì dalle 16.30 alle 18 presso la Biblioteca con laboratori e letture in fascia 0-6 anni (per i più piccoli anche tra le braccia di mamma e papà) e ogni martedì dalle 16.15 alle 17.00 presso Casa Amica Fondazione Maria Rossi onlus con lo "Yoga per bambini dai 4 ai 6 anni" (info e contatti Valentina Lotti 335 1474830).

Il punto educativo di Cappella Maggiore situato in Biblioteca propone ogni martedì dalle 16.15 alle 17.15 lo "Yoga per bambini 0-3 anni e le loro mamme" (info e contatti Elisa Tomasi 338 6473564), mentre ogni sabato mattina dalle 9 alle 11 "Laboratori di psicomotricità per bambini dai 4 ai 6 anni", attività previa iscrizione (info e contatti Francesca Bertagno 331 6134067).

Guidato in Veneto dalla Cooperativa sociale Itaca, Caleidos è un progetto articolato che mira ad intervenire sulla fragilità educativa delle famiglie con bambini 0-6 anni. Frutto di un'ampia partnership, Caleidos vede coinvolti Ulss n. 2 Marca Trevigiana - Distretto Pieve di Soligo, Fondazione di Comunità Sinistra Piave, Istituti comprensivi di Cappella Maggiore e "Grava" Conegliano 1, Nido Comunale di San Vendemiano (gestito dalla Cooperativa Stella). In un'ottica di lavoro di comunità, gli Istituti comprensivi hanno coinvolto le Amministrazioni comunali di Conegliano, San Vendemiano, Cappella Maggiore, Colle Umberto, Fregona e Sarmede con i relativi Servizi Sociali. Caleidos è co-finanziato dall'impresa sociale Con I Bambini.

 

Pubblicato in Veneto

Nel campo di Moria, sull'isola di Lesbo, il governo greco sta deliberatamente negando ad almeno 140 bambini con malattie croniche, complesse e potenzialmente mortali la possibilità di ricevere cure mediche adeguate. Medici Senza Frontiere (MSF) chiede alle autorità greche di intervenire, evacuando tutti i bambini gravemente malati sulla terraferma, in Grecia o all'interno dell'Unione europea, dove possono ricevere le cure necessarie.

 "Vediamo molti bambini colpiti da malattie, come gravi problemi di cuore, diabete o asma, costretti a vivere in rifugi di fortuna, in condizioni orribili e antigieniche, senza accesso a cure mediche specialistiche e ai farmaci di cui hanno bisogno" dichiara Vittoria Zingariello, responsabile del team degli infermieri di MSF a Lesbo. "MSF sta discutendo con le autorità greche sul trasferimento dei bambini che necessitano cure mediche urgenti ma, nonostante siano stati esaminati alcuni casi, ancora nessuno ha lasciato l'isola. La riluttanza del governo greco a trovare una soluzione rapida e sistemica per questi bambini, compresi alcuni neonati, non è solo vergognosa ma rischia anche di determinare danni irreparabili al loro stato di salute, se non di condurli addirittura alla morte".

Nel luglio 2019, il governo greco ha revocato l'accesso all'assistenza sanitaria pubblica ai richiedenti asilo e alle persone senza documenti che arrivano nel paese, lasciando oltre 55.000 uomini, donne e bambini senza possibilità di cura.

 Da marzo 2019, i medici della clinica pediatrica di MSF, fuori dal campo di Moria a Lesbo, hanno visto più di 270 bambini con malattie croniche e complesse, fra cui problemi di cuore, epilessia e diabete. MSF non è in grado di fornire trattamenti specialistici per queste patologie, che d'altronde non trovano risposte adeguate neanche presso l'ospedale pubblico sull'isola di Lesbo, incapace di assistere un numero così elevato di pazienti, oltre a non disporre di alcuni servizi specializzati.

 "Mia figlia di 6 anni, Zahra soffre di autismo e viviamo in uno spazio minuscolo, praticamente senza elettricità. Spesso nel cuore della notte ha convulsioni e non c'è nessuno che ci aiuti. Voglio vivere in un luogo in cui mia figlia può giocare come gli altri bambini ed essere curata da un buon dottore" dice Shamseyeh, proveniente dall'Afghanistan, uno degli oltre 19.000 abitanti del campo di Moria, attrezzato per ospitare non più di 3.000 persone.

 Negli ultimi quattro anni, MSF ha più volte denunciato la tragedia umana in corso a Moria, creata deliberatamente dalle politiche di contenimento dell'Europa. La situazione attuale evidenzia, ancora una volta, come l'accordo UE-Turchia del 2016 stia creando sofferenze inutili e mettendo in pericolo molte vite.

 "Bambini, donne e uomini stanno pagando il prezzo ingiusto delle politiche migratorie basate sulla deterrenza. Negare ai bambini che soffrono di gravi malattie l'accesso alle cure mediche, è solo l'ultima misura cinica che va oltre ogni immaginazione" dichiara Tommaso Santo, capomissione di MSF in Grecia.

 MSF chiede “l'immediata evacuazione da Lesbo di tutte le persone affette da malattie croniche e complesse, dando la priorità ai bambini e stabilendo un sistema regolare di trasferimenti verso sistemazioni adeguate e vicino a strutture in grado di fornire cure mediche specialistiche; l'urgente e immediato accesso all'assistenza sanitaria gratuita e cure tempestive e adeguate per tutti i richiedenti asilo, minori non accompagnati e persone senza documenti in Grecia; la fine delle politiche di contenimento che intrappolano sulle isole greche, in condizioni orribili e disumane, i rifugiati e i richiedenti asilo”.

 Le storie dei bambini

"Mio figlio, Mohammed, ha quasi 3 anni e soffre di una disfunzione cerebrale. Ha un mal di testa costante e non parla molto. Noi proviamo a farlo parlare, ma ogni volta che ci prova borbotta. Al momento viviamo in una tenda, senza elettricità né riscaldamento, piantata nel campo di ulivi limitrofo a Moria. I bagni e le docce sono lontani e non abbastanza caldi per lavare Mohammed, così lo lavo solo una volta ogni due settimane. Il medico ci ha suggerito di mantenere un'igiene buona, ma per noi è impossibile. Cerchiamo di mantenere la nostra tenda pulita, ma quando piove c'è fango ovunque. Come madre, non mi importa di me stessa, mi interessa solo dei miei figli. Quando Mohammed si lamenta per il mal di testa provocato dalla malattia, so che non posso fare nulla per aiutarlo. Mi limito a piangere. Siamo qui da tre mesi e mezzo e tutti i medici che hanno visitato Mohammed hanno detto che avrebbe davvero bisogno di essere trasferito sulla terraferma per ricevere le cure necessarie, ma noi siamo ancora qui a Moria". Gul, afgana, madre di due figli.

"Mia figlia di 6 anni, Zahra, soffre di autismo e viviamo in uno spazio minuscolo, praticamente senza elettricità. Spesso nel cuore della notte ha convulsioni e non c'è nessuno che ci aiuti. Voglio vivere in un luogo in cui mia figlia può giocare come gli altri bambini ed essere curata da un buon dottore" dice Shamseyeh, proveniente dall'Afghanistan, uno degli oltre 19.000 abitanti del campo di Moria, attrezzato per ospitare non più di 3.000 persone.

 "L'ospedale locale mi ha detto che non ci sono cure specialistiche per mio figlio, Abdul, e che ci saremmo dovuti trasferire in una struttura più grande. Io ho un bambino malato, totalmente paralizzato, epilettico, e che non riesce più nemmeno a dormire. Finora nessuno è stato in grado di aiutarmi qui. Sono una madre sola, con altri tre bambini. Siamo tutti bloccati a Lesbo".

Raido, 27 anni proveniente dalla Somalia, è madre di quattro bambini ed è sola. Ha vissuto quasi 4 mesi nel campo di Moria, mentre da 3 mesi vive in un appartamento vicino al campo. Suo marito è morto prima che lei prendesse la decisione di venire in Grecia. Non riceve alcun aiuto per il figlio, che è paralizzato, e nell'isola di Lesbo non ci sono medici specializzati che possano aiutarlo.

 

 

 

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Gennaio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31