Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 24 Novembre 2020

Martedì, 20 Ottobre 2020 - nelPaese.it

 «La situazione delle scuole chiuse in Campania è insostenibile, perché paradossale è il sistema di accesso ai servizi essenziali. La scuola rischia di essere lo spauracchio contro un sistema fallimentare di “non politica” su tematiche centrali per il governo di un Paese e di una Regione.  La decisione di De Luca vuole mettere una pezza ad altri problemi come i trasporti e il sistema sanitario pubblico in gravissima difficoltà».

Così in una nota Barbara Pierro, referente dell’Associazione Chi rom e chi no di Scampia. «Su questi grandi temi in questo momento si gioca la partita delle disuguaglianze sociali e si formalizza il modello di esclusione sociale – prosegue Pierro – tra chi può permettersi le cure accedendo al sistema sanitario privato, chi ha una famiglia alle spalle e un sistema articolato che consente agli alunni di provare a stare al passo con la scuola e chi no. Quando in casa poi c’è una disabilità la situazione diventa oltremodo difficile».

«La forbice tra le fasce sociali che subiscono questo sistema di disservizi e mancate tutele, si allarga però sempre più e a pagare il prezzo più alto sono i minori e le loro famiglie – continua la referente di Chi rom e chi no – soprattutto quelle più fragili, quelle che non hanno un sistema di welfare che li sostiene, le famiglie anche mononucleari con bambini speciali che non possono contare su un sistema scuola strutturato per dare risposte ai loro bisogni; ancora le famiglie in povertà economica e educativa che non riescono a dare il supporto educativo e sociale che meritano i loro figli».

«Come associazione ci interroghiamo quotidianamente sulle scelte educative da mettere in campo per costruire risposte efficaci o comunque necessarie per dare risposta ai bisogni di tante famiglie e tanti minori che rischiano di vivere sempre più isolati afflitti da una povertà culturale e materiale.  Anche per questo abbiamo sentito importante come Chi rom e chi no di essere di nuovo in strada questa volta non a Scampia, ma davanti alla Regione per chiedere a chi dovrebbe guidarci di mettere mano seriamente a questa città ripensando le politiche sui temi della sanità, dei trasporti, dell’istruzione, fuori dal palco di turno, misurandosi sulla bilancia delle disuguaglianze e dei diritti  a garanzia di un sistema di welafare che non escluda nessuno, a partire dai più piccoli e vulnerabili».

«A Secondigliano abbiamo raccolto la testimonianza di una mamma che al circolo didattico Pascoli racconta che suo il figlio che ha fatto solo 2 giorni di presenza a scuola e questo perché il sistema sanitario e scolastico non sono all’altezza di gestire la complessità che stiamo vivendo».

Critica Pierro anche sulla « scelta della didattica a distanza, che non funziona. L’accesso ai dispositivi e alla connessione, la convivenza dello spazio abitativo tra smart working e Dad o l’impraticabilità delle stesse abitazioni per sostenere materialmente un collegamento internet e l’acquisto di computer sono problemi che abbiamo denunciato già durante il lockdown di marzo». «Non è possibile arrendersi all’assenza di spazi educativi  e di crescita sia dentro che fuori alla scuola ed è per questo che, proprio in questa fase, lanceremo ufficialmente il progetto nazionale Ip Ip Urrà, finanziato dal Fondo di contrasto alla povertà minorile Con i bambini: saremo insieme ad altre 10 regioni italiane a guardare in avanti e come capofila il 5 novembre  presenteremo questa sfida educativa e comunitaria. L’infanzia come l’adolescenza rischiano di vedere negate fondamentali occasioni di crescita esperienziale e cooperativa, percorsi di socialità e di relazione, in presenza di un’intera comunità educante “ristretta” nelle sofferenze sociali che questa emergenza sta abbattendo su un intero sistema Paese», conclude.

Pubblicato in Campania

Che le fedi e le confessioni abbiano un impianto patriarcale, è cosa ormai nota a tutti; il motivo di questa prevalenza maschile deriva da diversi fattori storico-culturali: si tratta, infatti, di fedi e confessioni nate all’interno di società basate sulla disparità di genere, le cui Scritture di riferimento sono sempre state elaborate da uomini.

Le società vanno incontro a pesanti cambiamenti nel corso del tempo, siano essi sociali, culturali o politici, ma le Scritture rimangono sempre le stesse.

Ecco, allora, che sorgono alcune domande: le trasformazioni sopra elencate hanno determinato un cambiamento nelle interpretazioni delle Scritture? Hanno determinato una loro evoluzione? Se di evoluzione si tratta, si può parlare di cambiamento in relazione alla disparità di genere nel culto delle varie religioni? Le differenze nelle norme, nel ruolo e nel potere della donna sono reali o fonte di pregiudizi da parte di credenti di altre appartenenze religiose o di laici?

La campagna Oltre Il Pregiudizio, in collaborazione con il Tavolo Interreligioso Di Roma, ha tentato di dare una risposta a queste domande, attraverso l’organizzazione di due incontri, trasmessi il 12 e il 14 ottobre sul canale Youtube Lazio.  Sono intervenuti diversi ospiti, quali Maria Angela Falà (presidente del Tavolo Interreligioso Di Roma e vicepresidente dell’Unione Buddhista Italiana), Anna Di Segni Coen (scrittrice, esponente del Centro di Cultura Ebraica di Roma), Svamini Hamsananda Gjiri (vicepresidente dell’Unione Induista Italiana e Ministro Di Culto nell’ Hashram di Altare (Savona), Gianna Urizio (giornalista e presidente della Federazione Delle Donne Evangeliche In Italia), Habiba Manaa (Università di Tor Vergata); entrambi gli incontri hanno beneficiato dell’intervento moderatore di Paola Gabrielli (Presidente Emerito del Tavolo Interreligioso Di Roma e membro del direttivo di OilP).

 

Pubblicato in Parità di genere
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31