Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Sabato, 28 Novembre 2020

Martedì, 10 Novembre 2020 - nelPaese.it

Le attività economiche connesse al mercato delle sostanze psicoattive illegali sono stimate intorno ai 15,8 miliardi di euro, di cui quasi il 40% attribuibile al consumo dei derivati della cannabis e circa il 31% all'utilizzo di cocaina.

Lo spiega la relaziona parlamentare annuale 2020 sulle droghe pubblicata sul sito del Dipartimento antidroga di Palazzo Chigi.

Le operazioni

Le operazioni antidroga condotte nel 2019 dalle Forze di Polizia sono state 25.876; oltre la metà rivolte al contrasto del traffico della cannabis, e un terzo a quello di cocaina. Sono state sequestrate quasi 55 tonnellate di sostanze stupefacenti, per l’82% riguardanti i prodotti della cannabis. Il 23% delle sostanze stupefacenti è stato sequestrato in acque internazionali.

 Nel 2019, rispetto all’anno precedente, la percentuale media di principio attivo rilevata nei campioni analizzati, è rimasta stabile per cocaina e marijuana, risulta diminuita per eroina, crack e amfetamina, e in aumento, invece, per hashish, metamfetamina ed ecstasy. Nel primo semestre del 2019, relativamente ai prezzi per traffico, si osserva una riduzione per eroina e cocaina, mentre aumenta quello di marijuana, hashish, ecstasy, amfetamine, metamfetamine e LSD.

Il prezzo al mercato dello spaccio risulta diminuito per cocaina e amfetamine, mentre è aumentato quello relativo a hashish, eroina bianca, ecstasy metamfetamine e LSD. Sono state individuate 32 nuove sostanze (NPS), 19 delle quali sconosciute in tutta Europa. La maggior parte appartenente alle categorie dei catinoni sintetici.

Signora cocaina: un boom

Le operazioni antidroga di esclusiva rilevanza penale condotte nel 2019 dalle Forze di Polizia sono state 25.876, il 3,4% delle quali svolte nelle aree frontaliere (878 operazioni e 4 in acque internazionali). Oltre la metà delle operazioni antidroga sono state rivolte al contrasto del traffico della cannabis e derivati e un terzo a quello di cocaina, mostrando per queste ultime un aumento rispetto al biennio precedente.

Le operazioni di polizia condotte nel 2019 per contrastare il mercato della cocaina sono state 8.481, il 34,7% e il 31,2% delle quali svolte rispettivamente nelle regioni dell’Italia centrale e nord-occidentale, in particolare Lazio e Lombardia. Le operazioni condotte hanno portato al sequestro di complessivi 8.269,54 kg di cocaina, per l’80,6% intercettato negli ambiti delle regioni Liguria, Calabria e Toscana (39,7%, 26,8% e 14,1% rispettivamente).

Rapportato al numero di abitanti di 15-74 anni, in Liguria e in Calabria si raggiungono quasi 300 kg e 150 Kg/procapite rispettivamente, contro una media nazionale pari a poco meno di 20 Kg per residente 15-74enne.

Per leggere la relazione completa vai su questo link

Pubblicato in Nazionale

"Mettiamoci in gioco", la Campagna nazionale contro i rischi del gioco d'azzardo ritiene che la priorità da perseguire nel "riordino" del settore azzardo sia una significativa riduzione dell'offerta del gioco nel nostro paese. La pandemia di Covid-19 ha riportato al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica e della politica la salute delle persone come bene primario non comprimibile. Tutti i servizi che hanno in carico persone con disturbo da gioco d'azzardo hanno constatato che la chiusura delle sale giochi durante il lockdown ha avuto effetti positivi sulle persone che giocano, riducendo i comportamenti compulsivi e favorendo la vita relazionale ed affettiva.

Mettiamoci in gioco ritiene "indispensabile rivedere il sistema delle concessioni, ma dichiara la propria contrarietà all'ipotesi di prorogare le attuali concessioni per un triennio. L'occasione offerta dal Recovery Fund permette allo stato di intervenire senza il ricatto delle entrate fiscali da preservare a ogni costo".

La campagna esprime, poi, "la propria netta contrarietà" all'ipotesi avanzata dall'Agenzia dogane e monopoli di far partecipare Regioni e Comuni alla distribuzione delle entrate fiscali dell'azzardo. I Monopoli, da una parte, dichiarano che ogni potestà legislativa in materia di azzardo è dello Stato, togliendo di fatto ai sindaci la possibilità di regolamentare la presenza del gioco nel proprio territorio, "dall'altra, propongono a Regioni ed enti locali – la gran parte dei quali in condizioni di bilancio tutt'altro che floride – di accaparrarsi una fetta della torta sempre più grande assicurata dall'azzardo. Appare evidente la strumentalità della proposta e l'assoluto disinteresse per le problematiche di salute di un settore arrivato lo scorso anno a oltre 110 miliardi di euro di fatturato".

Mettiamoci in gioco ritiene che "vada finalmente elaborata – coinvolgendo tutti gli attori interessati, compresi i soggetti della società civile – una riforma complessiva del settore che, fuori dalle strumentalizzazioni di concessionari e gestori, si ponga l'obiettivo della tutela della salute pubblica, di definire e implementare misure concrete ed efficaci di prevenzione di una patologia – il disturbo da gioco d'azzardo – che colpisce un numero altissimo di persone nel nostro paese, di tutela dei soggetti più fragili e dei lavoratori del settore, per i quali vanno attivati tutti gli strumenti a disposizione per la salvaguardia dell'occupazione".

Aderiscono alla campagna Mettiamoci in gioco: Acli, Ada, Adusbef, Ali per Giocare, Anci, Anteas, Arci, Associazione Orthos, Auser, Aupi, Avviso Pubblico, Azione Cattolica Italiana, Cgil, Cisl, Cnca, Conagga, Confsal, Ctg, Federazione Scs-Cnos/Salesiani per il sociale, Federconsumatori, FeDerSerD, Fict, Fitel, Fp Cgil, Gruppo Abele, InterCear, Ital Uil, Lega Consumatori, Libera, Missionari Comboniani, Scuola delle Buone Pratiche/Legautonomie-Terre di mezzo, Shaker-pensieri senza dimora, Uil, Uil Pensionati, Uisp.

Pubblicato in Economia sociale

La gestione di un'epidemia, soprattutto quando si prospetta di lunga durata e con un andamento ciclico di potenziali successive ondate, richiede una risposta capillare e integrata che coinvolga tutte le componenti della società, dalle autorità sanitarie alla popolazione, e un approccio basato essenzialmente sulla prevenzione. Lo osserva Medici Senza Frontiere (MSF), che da marzo sta supportando le autorità sanitarie italiane in alcune regioni e le cui équipe internazionali sono al lavoro per contrastare la pandemia in oltre 70 paesi.

Sulla base della propria esperienza nella gestione di epidemie complesse e nella lotta al Covid-19 in ambito ospedaliero, strutture per anziani, istituti penitenziari e comunità vulnerabili, MSF condivide in un'ottica di collaborazione e riflessione cinque raccomandazioni per contribuire a orientare interventi adeguati all'evolversi dell'epidemia.

"Lo abbiamo affermato mesi fa e lo ribadiamo oggi: la risposta a un'epidemia di queste proporzioni non può confidare unicamente sulle strutture ospedaliere – pur cruciali nella gestione dei casi più severi – ma deve fondarsi su una solida e capillare rete territoriale, su una maggiore integrazione dei servizi del territorio e tra questi ultimi e le strutture ospedaliere, ed evitare che la difformità di politiche e disposizioni regionali vanifichino lo sforzo del Sistema Sanitario Nazionale" dichiara la dott.ssa Claudia Lodesani, infettivologa e presidente di MSF, che ha coordinato l'intervento di MSF per il coronavirus in Italia.

"Nonostante la seconda ondata fosse attesa e largamente prevedibile, l'esperienza acquisita nei primi mesi non è stata sufficientemente messa a frutto, soprattutto nel correggere criticità che, già evidenti nella prima fase, sono ancora più cruciali nell'attuale picco epidemico: insufficiente pianificazione, carenza di personale sanitario, difficoltà ad assicurare un sistema dettagliato di raccolta dati per una sorveglianza accurata in grado di restituire le diverse dimensioni del contagio e dell'esposizione al rischio" conclude la dott.ssa Lodesani di MSF.

Le cinque raccomandazioni di MSF

1) Puntare sulla medicina del territorio per evitare la saturazione degli ospedali

La prima ondata ci ha insegnato che i casi che giungono agli ospedali non sono che la punta di un iceberg la cui base si estende largamente all'interno della comunità, spesso in maniera invisibile, e per questo tanto più difficile da combattere. Se è vero che il monitoraggio del tasso di occupazione delle terapie intensive resta un indicatore fondamentale per adattare la risposta all'emergenza nel breve periodo, è solo attraverso il capillare coinvolgimento della popolazione e degli attori sociali, attraverso un'adeguata informazione ed educazione sanitaria, che si riuscirà a organizzare una efficace strategia di risposta sul lungo periodo. È attraverso la protezione delle comunità più vulnerabili e soprattutto il rafforzamento della capacità di rispondere adeguatamente al livello più precoce di assistenza, quello territoriale, che si può pensare di mitigare l'impatto dell'epidemia sul sistema sanitario. Serve essere coraggiosi e creativi nell'investire risorse su un sistema territoriale che negli anni è stato indebolito; servono più medici di base adeguatamente formati e supportati, a cui venga restituito un ruolo chiave nella salute pubblica; serve scommettere sull'aggiornamento e l'introduzione di tecnologie favorendo l'uso della telemedicina e di strumenti specifici come per esempio l'ecografo portatile, che in molte occasioni, inclusi i progetti MSF in Italia, hanno dimostrato essere strumenti chiave per garantire un buon livello di assistenza a domicilio e da remoto, riducendo l'esposizione per il personale sanitario ed evitando di affollare le strutture ospedaliere.

2) Adeguate risorse per test e contact tracing

Sappiamo ormai quanto il tracciamento dei contatti sia fondamentale per un adeguato controllo di focolai epidemici. Tuttavia, perché sia efficace, deve poter contare sulla necessaria disponibilità di risorse, in termini sia di strumenti diagnostici che di personale.  La disponibilità di test antigenici rapidi, nel quadro di ben definiti percorsi diagnostici che ne circoscrivano chiaramente i limiti di utilizzo, può rappresentare un ulteriore aiuto al tracciamento. La capacità dei laboratori accreditati per l'esecuzione del test molecolare su tampone deve essere adeguata alle evidenti e crescenti necessità. Il personale impiegato nelle attività di tracciamento deve essere aumentato, senza necessariamente impiegare personale altamente specializzato necessario altrove: anche profili diversi come i veterinari e personale sanitario in formazione come gli studenti di medicina che possono essere coinvolti in queste attività previa adeguata formazione. È inoltre necessario potenziare le risorse per effettuare test a domicilio per tutte le persone che hanno difficoltà ad accedere alle strutture sanitarie, per ragioni logistiche, condizioni di invalidità o marginalità.  

3) Corretta informazione e responsabilità individuale

Tutti, nessuno escluso, hanno delle responsabilità di fronte alla pandemia. Come sanitari, dobbiamo evitare errori di comunicazione, confusione e incoerenza nel dare informazioni alla popolazione. Allo stesso tempo ciascuno di noi, come cittadini, deve essere mosso da un senso di responsabilità collettiva che deve ricordarci che l'interesse della comunità è ciò che garantisce il benessere di tutti. Il rispetto delle norme di prevenzione comunitaria, così come di eventuali situazioni di quarantena, deve essere scrupoloso. Le lunghe file ai drive in sono spesso causate da richieste improprie di persone che, pur non rientrando nei criteri di coloro che dovrebbero accedere al test, vengono prese dal panico e sono erroneamente orientate verso un servizio che deve invece focalizzarsi sul chiaro obiettivo di identificare le persone più a rischio di essere contagiose, minimizzando lo spreco di risorse. Ancora una volta, la medicina di comunità e il sistema territoriale giocano un ruolo cruciale sulla corretta informazione e sul rispetto dei corretti protocolli di testing. Bisogna inoltre lavorare sulla formazione e responsabilizzazione delle comunità, rafforzando la rete dei servizi e favorendo la conoscenza su come limitare il diffondersi dell'epidemia e cosa fare in presenza di casi sospetti. Le attività di educazione sanitaria svolte da MSF in comunità vulnerabili, carceri e in contesti ad alta marginalizzazione sociale hanno dato importanti risultati.

4) Non dimenticare i più vulnerabili

Le comunità più vulnerabili, come strutture per anziani, carceri, dormitori, centri di accoglienza, occupazioni abitative o insediamenti informali, necessitano di specifica attenzione e chiare procedure per l'alto rischio di una rapida diffusione interna e moltiplicazione esterna della catena di contagio. La prevenzione e la gestione di focolai epidemici in comunità chiuse non può essere improvvisata, né lasciata all'iniziativa e alla buona volontà dei singoli enti gestori, ma deve essere adeguatamente pianificata e coordinata dalle autorità sanitarie sulla base di chiare direttive ministeriali, coinvolgendo le comunità e garantendo l'intervento dei servizi sociali in situazioni particolarmente critiche che hanno impatto sull'accesso alla salute (come l'assenza di residenza, di reddito e una nutrizione inadeguata).

5) Farmaci e vaccino Covid-19: giochiamo d'anticipo prima che sia troppo tardi

 Una volta che farmaci e vaccini contro il Covid-19 saranno introdotti sul mercato sarà fondamentale garantirne l'accesso equo e sostenibile contemplando, se necessario, anche il ricorso alle clausole di salvaguardia previste dagli accordi internazionali sulle proprietà intellettuali. L'uso governativo di licenze obbligatorie deve essere promosso ed è indispensabile includere sin da ora nei diversi tavoli negoziali anche i Paesi a medio e basso reddito, per favorire una ricerca che tenga conto delle istanze dei sistemi sanitari più fragili. Una strategia realistica di contenimento ed eventualmente di eradicazione del Covid-19 prevede che il vaccino venga reso disponibile a tutti i paesi del mondo, inclusi i più poveri e che vengano realizzate delle efficaci campagne di vaccinazione. Obiettivo che oggi appare quanto mai distante e logisticamente complesso. L'accessibilità universale al vaccino contro il Covid-19 non è solo una questione di equità ma è una questione di salute pubblica, e la precondizione necessaria perché si inneschi il fenomeno dell'immunità di gregge, utile a scongiurare ondate epidemiche successive. La probabilità che il virus possa circolare liberamente è inversamente proporzionale al numero delle persone vaccinate, e in un mondo globalizzato e interconnesso sappiamo quanto sia cruciale. Immaginare di rimanere protetti dal proprio sistema sanitario e al sicuro dentro le proprie frontiere, oggi non è più concepibile: i virus valicano confini e la tutela della salute di tutti dipende dal modo in cui si organizzeranno le risposte globalmente.

L'azione di MSF contro il Covid-19 in Italia

Dall'inizio dell'epidemia MSF si è messa a disposizione delle autorità sanitarie italiane e durante la prima ondata ha supportato le strutture ospedaliere di Lodi, Codogno e Sant'Angelo Lodigiano - con interventi e formazioni in ospedale e sul territorio, incluso un progetto di rafforzamento della presa in carico domiciliare con monitoraggio da remoto - oltre 40 strutture per anziani nelle Marche, numerose carceri in Lombardia, Piemonte e Liguria, insediamenti informali e occupazioni abitative a Roma, sbarchi e centri di accoglienza in Sicilia, oltre che diverse realtà del terzo settore attraverso specifiche formazioni sulle misure di controllo dell'epidemia.

Oggi MSF è attiva in particolare a Roma e Palermo, dove in collaborazione con le autorità sanitarie locali ha promosso la creazione di comitati d'igiene e sorveglianza sanitaria all'interno di insediamenti informali e centri di accoglienza, che possano monitorare la presenza di casi sospetti di Covid–19, allertare le autorità e agire come pronto intervento sia nell'isolamento temporaneo dei potenziali casi, sia nella disinfezione di eventuali spazi contaminati. Questo sistema di monitoraggio e segnalazione precoce e tempestiva, basato sul coinvolgimento diretto delle stesse comunità che intende proteggere, si sta dimostrando efficace, in questa fase di incremento dei contagi, da un lato nel proteggere comunità con difficoltà di accesso all'assistenza sanitaria, dall'altro nel contribuire a rinforzare le misure per il contenimento dell'epidemia.

MSF continua inoltre la propria attività di monitoraggio sul territorio nazionale e resta disponibile a condividere le proprie competenze e le lezioni apprese con le autorità sanitarie e con i principali attori della risposta all'epidemia.

Pubblicato in Nazionale
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30