Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 20 Gennaio 2021

Venerdì, 04 Dicembre 2020 - nelPaese.it

In occasione della cerimonia di celebrazione della Giornata internazionale delle Persone con disabilità svoltasi ieri a Palazzo Chigi le due Federazioni delle Associazioni della disabilità hanno incontrato il Presidente del Consiglio Conte, la Ministra dell’Istruzione Azzolina e il Ministro dell’Università Manfredi. È stato consegnato al Governo un documento congiunto Fand e Fish che riassume le loro proposte e richieste sulle politiche future per le disabilità. Eccone una sintesi.

“Le politiche future per la disabilità: un nuovo welfare per non lasciare indietro nessuno”

La disabilità durante la pandemia e le basi per il rilancio dei diritti. I principi della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità costituiscono un manifesto ideale per le Federazioni FISH e FAND e per l’intera rete associativa che vi si riconosce e che individua nelle Federazioni le proprie voci unitarie nei confronti delle principali istituzioni del Paese. Ripartendo dalle riflessioni espresse in occasione degli incontri con il Governo, nonché con la stessa Presidenza del Consiglio negli ultimi mesi per la gestione dell’emergenza, FISH e FAND intendono ora rilanciare tale confronto riguardo alle future politiche per la disabilità e agli aspetti organizzativi e funzionali necessari alla loro realizzazione.

Il dilagare del virus Covid-19, oltre che mettere a dura prova in Italia il Sistema Sanitario Nazionale ed il Sistema di Protezione Sociale, ha fatto precipitare moltissime persone in uno stato di forte preoccupazione, resa ancor più grave dall’incertezza del prossimo futuro. Queste preoccupazioni sono ancora più forti tra le migliaia di persone con disabilità del nostro Paese, le cui condizioni di vita sono già ampiamente determinate da livelli di protezione e inclusione sociale non adeguatamente compiuti. Non possiamo nascondere che l’impatto della pandemia ci obbligherà a rimodulare alcune priorità, in una direzione che preveda innanzitutto la garanzia di una maggiore tutela della salute e della sicurezza di coloro che sono più vulnerabili ed esposti ai rischi connessi alla condizione di salute e tra questi vi sono le tante persone con disabilità.

L’attuale sistema dei servizi di welfare è vistosamente inadatto a dare risposte flessibili alle Persone con disabilità, visto che esso per anni è stato basato su servizi standardizzati non idonei nel fornire risposte personalizzate alle persone ed ai lori bisogni differenti, in base ai loro specifici contesti di vita e al loro progetto di autonomia e indipendenza. Occorre da subito investire su un’azione sociale che tenga conto:

  1. a) della necessaria lotta alla segregazione e del relativo supporto alla domiciliarità (Fondo per la Non Autosufficienza);
  2. b) del supporto ai caregiver familiari affinché possano operare all’interno di un sistema integrato di interventi e servizi di sostegno (e non sia lasciato solo con un mero contributo economico a gestire le complesse necessità della persona con disabilità);
  3. c) della necessità di ripensare la costruzione degli interventi, in un’ottica di percorsi di vita indipendente (Fondo per la Vita Indipendente);
  4. d) del bisogno di definizione di piani nazionali per avviare processi di de-istituzionalizzazione e di contrasto ad ogni forma di segregazione con sostegni alla vita autonoma, indipendente e alla domiciliarità. Sostegni necessari per garantire la scelta di dove, come e con chi vivere, anche in modo supportato, “durante e dopo di noi”.

In altre parole occorre una sostanziale riforma dell’attuale sistema di welfare, basato principalmente sul sistema di protezione, in favore di un nuovo modello basato sui Diritti umani, civili e sociali. Necessario, quindi, la definizione e l’adozione dei LEP (Livelli Essenziali di Prestazione) sociali, anche tramite la ricomposizione complessiva della spesa occorrente in capo ad un capiente Fondo Nazionale, tale da rispondere al fabbisogno della generalità delle Persone con disabilità e non autosufficienti, la definizione di percorsi di concreta inclusione nel mondo del lavoro completando le riforme e interventi previsti dal Programma Governativo per l’attuazione dei diritti delle Persone con disabilità e prorogando, consolidando e strutturando gli istituti, le misure e le soluzioni sperimentate durante il periodo emergenziale atte a garantire l’effettività nell’accesso e mantenimento dell’occupazione, la garanzia del pieno godimento del diritto ai percorsi di inclusione scolastica. Non può, inoltre, venir meno il sostegno anche ai servizi semiresidenziali e residenziali, che rischia ormai in pochissimi mesi di crollare e di lasciare centinaia di migliaia di persone con disabilità, soprattutto grave e non autosufficiente, prive di protezione.

 In occasione del 3 dicembre – Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità la Fand (Federazione tra le Associazioni Nazionali dei disabili) e la FISH (Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap) si appellano al Presidente Conte affinchè venga ricordato che la Convenzione ONU sui diritti delle Persone con disabilità prevede non solo il coinvolgimento dei diretti interessati nelle decisioni che li riguardano, ma la considerazione della disabilità in ogni politica che riguardi tutti i Cittadini.

La Giornata del 3 dicembre vuole quindi essere una celebrazione condivisa sotto il segno di dare sempre più futura concretezza alla Convenzione Onu e all’inclusione delle Persone con disabilità. Per questi motivi le due Federazioni chiedono che il 3 dicembre sancisca inequivocabilmente una forte volontà politica e un assetto istituzionale chiaro, con un intervento di coordinamento e innovazione dell’ attuale normativa vigente.

Per queste ragioni il movimento delle Persone con disabilità e dei loro familiari chiede che il Presidente del Consiglio possa farsi garante delle modalità sin qui proposte, affinchè si possano affrontare le numerose emergenze che riguardano milioni di cittadini con disabilità del nostro Paese. Molte di loro sono peraltro in larga misura oggetto del secondo Programma d’azione biennale sulla disabilità, anch’esso deficitario fino ad oggi di regia e concretezza. Le organizzazioni di Persone con disabilità e loro familiari chiedono che il 3 dicembre sia l’occasione per celebrare un concreto ed efficace impegno e una presa in carico del Governo delle richieste sin qui avanzate, affinchè davvero le Persone con disabilità siano Cittadini di un Paese inclusivo. Non solo a parole, ma con i fatti e l’impegno di tutti.

 

Pubblicato in Diritti&Inclusione
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31