Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Mercoledì, 23 Settembre 2020

Martedì, 18 Febbraio 2020 - nelPaese.it

I governi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord hanno mostrato una spietata determinazione nello stroncare con forza brutale le proteste e nel calpestare i diritti di centinaia di migliaia di persone scese in strada per chiedere giustizia sociale e riforme politiche. È questa la principale conclusione dell'analisi di Amnesty International sulla situazione dei diritti umani nelle due regioni.

Invece di ascoltare le rivendicazioni dei manifestanti, i governi hanno ancora una volta fatto ricorso a una incessante repressione per ridurre al silenzio chi esprimeva critiche pacifiche, sia nelle strade che sui social media.

Solo in Iraq e in Iran, l'uso della forza letale da parte delle autorità ha provocato la morte di centinaia di manifestanti; in Libano le forze di polizia hanno disperso le proteste ricorrendo a una forza illegale ed eccessiva; in Algeria, il giro di vite nei confronti delle manifestazioni ha causato arresti e procedimenti giudiziari di massa.

In entrambe le regioni, quando gli attivisti hanno utilizzato la Rete per esprimere il loro dissenso, i governi li hanno fatti arrestare e processare per aver postato commenti sui loro profili social.

"In un'ammirevole dimostrazione di sfida e determinazione, dall'Algeria all'Iran, dall'Iraq al Libano le strade si sono riempite di persone che, in molti casi mettendo in gioco la loro vita, hanno chiesto diritti, dignità, giustizia sociale e fine della corruzione. Queste persone hanno fatto vedere che non saranno ridotte al silenzio dai loro governi", ha dichiarato Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l'Africa del Nord.

"Il 2019 è stato l'anno della sfida in Medio Oriente e in Africa del Nord. Un anno che ci ha anche detto che la speranza è ancora viva e che, nonostante gli sviluppi sanguinosi delle rivolte in Siria, Yemen e Libia e il catastrofico declino dei diritti umani in Egitto, la fiducia delle persone nel potere collettivo di attivarsi per il cambiamento si è rinnovata", ha aggiunto Morayef.

Le proteste in Medio Oriente e in Africa del Nord hanno rispecchiato quelle di altre parti del mondo, come Hong Kong, Cile e Sudan.

La repressione delle proteste

Le autorità del Medio Oriente e dell'Africa del Nord hanno impiegato una serie di tattiche per reprimere l'ondata di proteste, arrestando arbitrariamente migliaia di manifestanti e in alcuni casi ricorrendo alla forza eccessiva e letale. Solo in Iraq e Iran, i proiettili veri in dotazione alle forze di sicurezza hanno ucciso centinaia di manifestanti e ne hanno feriti migliaia.

In Iraq, dove le vittime sono state quasi 500, i manifestanti hanno mostrato una formidabile resilienza sfidando proiettili veri, cecchini e gas lacrimogeni per uso militare sparati da corta distanza e che, in questo modo, hanno causato gravissime ferite.

Per quanto riguarda l'Iran, resoconti credibili indicano che dal 15 al 18 novembre, per stroncare le proteste nate dall'aumento del prezzo della benzina, le forze di sicurezza hanno ucciso oltre 300 manifestanti e ne hanno feriti migliaia. Migliaia sono state anche le persone arrestate, molte delle quali sottoposte a sparizione forzata e a tortura.

A settembre le donne palestinesi residenti in Israele e nei Territori palestinesi occupati sono scese in strada per protestare contro la violenza di genere e l'occupazione militare israeliana. Le forze israeliane hanno ucciso decine di palestinesi durante manifestazioni nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania.

"Lo sconvolgente numero di manifestanti uccisi in Iraq e in Iran spiega bene fino a che punto i governi di quei paesi sono stati disposti ad arrivare pur di ridurre al silenzio ogni forma di dissenso. E nei Territori palestinesi occupati, le forze di sicurezza hanno continuato a usare, incontrastate, la forza eccessiva e letale durante le manifestazioni", ha sottolineato Philip Luther, direttore delle ricerche di Amnesty International sul Medio Oriente e l'Africa del Nord.

In Algeria, dove proteste di massa hanno favorito la caduta del presidente Abdelaziz Bouteflika dopo 20 anni di potere, le autorità hanno cercato di stroncare le proteste con arresti arbitrari e procedimenti giudiziari di massa nei confronti di manifestanti pacifici.

Le grandi proteste esplose in Libano a ottobre, che hanno portato alle dimissioni del governo e iniziate in modo ampiamente pacifico, sono state in diverse occasioni affrontate col ricorso alla forza illegale ed eccessiva da parte delle forze di sicurezza, che non sono intervenute in modo efficace per proteggere i manifestanti pacifici da attacchi dei simpatizzanti di gruppi politici rivali.

In Egitto l'inatteso scoppio di proteste, a settembre, ha colto di sorpresa le autorità che hanno poi reagito operando oltre 4000 arresti.

"I governi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord hanno mostrato un totale disprezzo per i diritti delle persone a protestare e ad esprimersi pacificamente. Invece di scatenare una repressione mortale e ricorrere ad arresti arbitrari di massa, torture e procedimenti giudiziari, le autorità farebbero bene ad ascoltare e ad affrontare le richieste di giustizia economica e sociale e di diritti politici provenienti dalle piazze", ha commentato Morayef.

La repressione del dissenso online

Oltre a reprimere le manifestazioni pacifiche nelle strade, i governi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord hanno continuato a prendere di mira coloro che esercitavano il diritto alla libertà di espressione sulla Rete.

Giornalisti, blogger e attivisti che hanno pubblicato commenti o video contenenti critiche nei confronti delle autorità hanno subito arresti, interrogatori e processi. Amnesty International ha registrato prigionieri di coscienza in 12 paesi e 136 arresti nei confronti di persone che avevano espresso pacificamente le loro opinioni online.

Le autorità hanno anche ecceduto i loro poteri impedendo l'accesso alla Rete o la condivisione di informazioni online. Durante le proteste in Iran, Internet è stato pressoché bloccato per evitare la condivisione di fotografie e video riguardanti uccisioni e ferimenti di manifestanti. In Egitto le autorità sono intervenute sulle app di messaggistica per impedire l'ulteriore propagazione delle proteste. Sempre in Egitto, così come in Palestina, le autorità hanno censurato siti e portali di notizie. In Iran app quali Facebook, Telegram, Twitter e YouTube sono rimaste bloccate.

Alcuni governi hanno usato tecniche ancora più sofisticate di sorveglianza online per prendere di mira i difensori dei diritti umani. Dalle ricerche di Amnesty International è emerso che due difensori dei diritti umani del Marocco sono stati spiati grazie a un software sviluppato dall'azienda israeliana NSO Group, che già in precedenza era stato usato contro attivisti dell'Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti e anche nei confronti di un impiegato di Amnesty International.

Complessivamente, nel 2019 Amnesty International ha riscontrato la detenzione di 367 difensori dei diritti umani (240 detenuti arbitrariamente solo in Iran) e procedimenti giudiziari nei confronti di 118. Il numero effettivo potrebbe essere più elevato.

"Il fatto che i governi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord abbiano avuto un approccio da 'tolleranza zero' nei confronti dell'espressione pacifica delle umani incondizionato di tutti i prigionieri di coscienza e che cessi la persecuzione contro chi esprime critiche pacifiche e coloro che difendono i diritti
opinioni sui social media la dice lunga su quanto temano il potere delle idee in grado di cambiare la narrativa ufficiale. Chiediamo il rilascio immediato", ha concluso Luther.

Segnali di speranza

Nonostante l'impunità perdurante e diffusa in tutto il Medio Oriente e l'Africa del Nord, Amnesty International ha registrato piccoli ma storici passi avanti verso l'accertamento delle responsabilità per le violazioni dei diritti umani del passato.

La dichiarazione, da parte del Tribunale penale internazionale, che nei Territori palestinesi occupati sono stati commessi crimini di guerra e l'annuncio dell'avvio di un'indagine non appena la giurisdizione del Tribunale sarà confermata rappresentano un'opportunità cruciale per porre fine a decenni d'impunità. Secondo il Tribunale, questa indagine potrebbe riguardare anche le uccisioni di manifestanti nella Striscia di Gaza ad opera delle forze israeliane.

Analogamente, in Tunisia la Commissione per la verità e la giustizia ha pubblicato il suo rapporto definitivo e sono stati avviati 78 procedimenti giudiziari riguardanti le violazioni dei diritti umani commesse in passato dalle forze di sicurezza.

I limitati progressi relativi ai diritti delle donne, ottenuti dopo anni di campagne da parte dei movimenti femminili locali, sono stati oscurati dalla continua repressione ai danni delle difensore dei diritti umani, soprattutto in Iran e in Arabia Saudita, e dalla complessiva mancata eliminazione dell'ampia discriminazione contro le donne. L'Arabia Saudita ha introdotto la riforma, da tempo sollecitata, del sistema del guardiano maschile ma cinque difensore dei diritti umani hanno continuato a rimanere in carcere per tutto il 2019.

Alcuni stati del Golfo hanno annunciato riforme per migliorare la protezione dei diritti dei lavoratori migranti. Tra questi il Qatar, che ha promesso l'abolizione del sistema dello sponsor (kafala) e di rendere più semplice ai migranti l'accesso alla giustizia. Anche Giordania ed Emirati Arabi Uniti hanno annunciato riforme in quella direzione. Tuttavia, i lavoratori migranti hanno continuato a subire sfruttamento e violenza in tutta l'area.

I governi del Medio Oriente e dell'Africa del Nord devono sapere che la repressione delle proteste e l'imprigionamento di chi esprime critiche pacifiche e di coloro che difendono i diritti umani non farà desistere le persone dal pretendere i fondamentali diritti economici, sociali e politici. Invece di ordinare gravi violazioni e crimini per rimanere al potere, i governi dovrebbero assicurare il rispetto dei diritti politici necessari per permettere alle persone di esprimere le loro rivendicazioni socio-economiche e di chiedere giustizia per le violazioni commesse dalle autorità dei rispettivi paesi", ha concluso Morayef.

Pubblicato in Dal mondo

Nei giorni scorsi l'Istat ha pubblicato un report sulla situazione demografica italiana secondo il quale, nel 2019, ogni 67 nuovi nati sono decedute 100 persone. Una vera e propria emergenza per gli italiani che puntano il dito sulla precarietà lavorativa e l’insicurezza economica. Questa è la sintesi del sondaggio PoliticApp di Swg.

Le percentuali si alzano sensibilmente nella fascia d’età appropriata per la procreazione, quella 25-44 anni. Per oltre il 70% l’insicurezza economica e il precariato sono le cause della rinuncia a fare figli. Per queste generazioni si aggiunge anche un aspetto culturale: per il 43% senza un figlio la vita non si può dire “incompleta”.

Se per un terzo degli italiani il calo demografico è una priorità di intervento, tra i 25-44enni la percentuale scende al 24% e per il 36% è un problema “non grave”.

Tra i primi provvedimenti richiesti per affrontare la questione ci sono gli sgravi fiscali (46%) e i servizi accessibili (44%) per le famiglie. Tra i giovani queste percentuali salgono fino al 60%. A seguire ci sono le sicurezze contrattuali e la flessibilità degli orari di lavoro per permettere un’organizzazione adeguata a una vita familiare.

È nel mix del lavoro precario e del cambiamento culturale che nasce il declino demografico del nostro Paese: la famiglia cambia pelle e il nostro Paese rischia di rimanere senza figli.

Pubblicato in Nazionale

Trebbiare il grano a mani nude: questo l’invito che il Teatro delle Ariette rivolge al pubblico e alla popolazione domenica 23 febbraio alle ore 15 al Teatro delle Ariette (Loc. Castello di Serravalle, Valsamoggia, Bologna).

Una moltitudine di mani come antidoto alla nostalgia delle macchine: «Il grano del trentennale, quel campetto di 200 metri quadrati che abbiamo seminato e deciso di raccogliere e battere a mano l'estate scorsa, adesso è nel fienile, compresso in 10 ballini – scrivono Stefano Pasquini e Paola Berselli - Circa 2 metri cubi di paglia e spighe che occupano una superficie di 2 metri quadrati. Senza una macchina non siamo ancora stati capaci di rubare i chicchi alle spighe e così i chicchi sono ancora là, dentro i ballini, che aspettano. Eppure sarebbe così semplice, basterebbe prendere un ballino, tagliare le corde, aprirlo, sedersi e cominciare a staccare ogni spiga dallo stelo di paglia...Lavoreremo, parleremo e poi mangeremo insieme.».

 

 

Pubblicato in Lettera al Direttore

 "Forza Bologna!" è una delle poche frasi che Patrick Zaky, lo studente egiziano dell'università Alma Mater Studiorum attualmente detenuto in Egitto, è riuscito a pronunciare prima dell'udienza che sabato 15 ha purtroppo confermato la sua permanenza in carcere almeno fino al 22 febbraio.

Per questo Amnesty International Italia, Sport 4 Society, UsigRAI e Riccardo Cucchi, presidente del premio "Sport e diritti umani", hanno rivolto un appello alla squadra e ai tifosi del Bologna affinché – dopo l'affettuoso augurio di pronto ritorno allo stadio pubblicato dall'account ufficiale Twitter della società – in occasione della partita interna col Brescia sia mostrata nel modo più visibile possibile solidarietà nei confronti di Patrick Zaky, esponendo striscioni come "Forza Zaky", "Patrick libero" ecc.

La partita, in programma sabato 22 febbraio alle ore 15, si svolgerà nello stesso giorno in cui una nuova udienza deciderà se prolungare la detenzione di Zaky o disporre la sua scarcerazione. 

“L’Italia chieda di visitarlo in carcere”

"Ci rivolgiamo alle autorità italiane, ed in particolare al Ministro degli Esteri, affinché chiedano all'Egitto di visitare in carcere lo studente Patrick Zaky. Chiediamo anche che della delegazione possano farne parte esponenti della società civile italiana ed internazionale. Se l'Egitto non ha nulla da nascondere, non temerà certo la visita di persone pacifiche? E' nostro dovere morale proteggere Patrick Zaky che aveva scelto l'Italia per perfezionare la sua formazione culturale e scientifica. Lo dobbiamo a tutti quelli che scelgono l'Italia per studiare in serenità. La libertà di opinione e dissenso va sempre assicurata".

Queste le dichiarazioni di Patrizio Gonnella e Arturo Salerni, rispettivamente presidenti di Antigone e della Coalizione Italiana per le Libertà e i Diritti civili (CILD).

Pubblicato in Nazionale
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Febbraio 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29