Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 25 Ottobre 2020

Mercoledì, 23 Settembre 2020 - nelPaese.it

È siciliana ed è il Consorzio di Cooperative Sociali Sisifo la prima impresa italiana del Terzo Settore premiata ieri sera dal Presidente del Consiglio Conte durante la presentazione del rapporto Welfare Index PMI organizzato da Confindustria Italia, Confartigianato, Confcommercio, Confagricoltura e Confprofessioni e promosso da Generali.

Welfare aziendale e risultati di bilancio, sono stati questi gli indicatori per selezionare in tutto 78 imprese italiane in varie categorie, con il welfare aziendale in prima linea come una leva strategica per affrontare l’emergenza e per la ripresa sostenibile del Paese.

L’emergenza Covid ha impresso un salto di qualità al welfare aziendale: per la prima volta le imprese attive superano il 50%, il 79% ha confermato le iniziative di welfare in corso e il 28% ne ha introdotte di nuove o potenziato quelle esistenti. Nel contesto Covid-19, le PMI con un welfare più maturo hanno avuto maggiore capacità di reagire all’emergenza e sono state punto di riferimento per la comunità.

"Storie straordinarie di imprese - ha detto Conte - che hanno messo salute e sicurezza al centro degli obiettivi aziendali e hanno accresciuto il loro impegno anche in assistenza, formazione, conciliazione vita lavoro. Dai tamponi, ai test sierologici, alle iniziative aperte a tutto il territorio e di sostegno al sistema sanitario nazionale, ai quali si sono aggiunti progetti di formazione a distanza, integrazione al 100% del reddito dei dipendenti in cassa integrazione e nuove modalità di lavoro.

Le imprese sono state il punto di riferimento immediato per i dipendenti, le loro famiglie e le comunità. Si tratta delle realtà caratterizzate dal sistema di welfare più ampio (per numero di aree attivate) e che si contraddistinguono per numerosità e intensità delle iniziative, grado di coinvolgimento dei lavoratori e impegno economico e organizzativo nel welfare aziendale".  In particolare quest’anno le Welfare Champions hanno dimostrato grande capacità di reazione e resilienza all’impatto della crisi Covid. "Sanità, sicurezza, assistenza, formazione, conciliazione vita- lavoro si confermano le aree di maggiore intervento - ha dichiarato il presidente di Sisifo Mimmo Arena - Il welfare aziendale, che ormai da noi in azienda è stato assimilato come vero e naturale sentiment, fa crescere l’impresa in termini di produttività e occupazione e questo Sisifo lo ha compreso. Il Consorzio Sisifo in Sicilia si occupa di servizi sanitari a domicilio, residenze sanitarie assistite ( Rsa), ma anche di asili nido. Ringrazio tutti coloro che hanno contribuito a far consolidare questa buona prassi.".

Il nuovo modello di analisi dell’impatto delle azioni di welfare sui bilanci di 3 mila PMI attesta che negli ultimi due anni le imprese più attive nel welfare registrano il maggiore aumento di produttività (+6% vs media +2,1%) e di occupazione (+11,5% vs media +7,5%). La quinta edizione Welfare Index PMI ha ampliato ulteriormente il quadro di analisi con oltre 6.500 interviste, triplicate in 5 anni, e allarga la partnership a tutte le 5 Confederazioni nazionali, con l’ingresso di Confcommercio.

Il rapporto Welfare Index PMI si è arricchito delle analisi su Covid e impatti del welfare sui risultati di bilancio. Le 78 imprese Welfare Champions sono state premiate  a Roma dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, alla presenza del Sottosegretario di Stato per il Lavoro e le Politiche Sociali, Stanislao Di Piazza.

 

 

 

Pubblicato in Economia sociale

Soddisfazione per un’iniziativa che mette al centro le esigenze di persone che rappresentano parte rilevante della popolazione del nostro paese, ai cui bisogni la risposta è data, troppo spesso, per scontata.

Ad esprimerla è l’Alleanza delle Cooperative Italiane, commentando l’istituzione, da parte del Ministro Speranza, di una Commissione per la riforma dell’assistenza agli anziani.

“Ripensare la filiera dei servizi agli anziani mettendo al centro le loro esigenze e facendo tesoro anche di tutte le esperienze del periodo dell’emergenza -sottolinea l’Alleanza- è fondamentale per far evolvere questi servizi e renderli appropriati alle esigenze e ai bisogni delle persone anziane e delle loro famiglie. Sottolineiamo, però, l’esigenza di una partecipazione aperta a tutti i soggetti che, a diverso titolo, operano nel settore e sono portatori di competenze ed esperienze, con l’obiettivo di costruire una proposta sostenibile e commisurata alla molteplicità e alla specificità delle domande e dei contesti”.

A tale proposito, l’Alleanza delle Cooperative Italiana sottolinea “la presenza importante e qualificata di cooperazione sociale in ambito sanitario e socio-sanitario che, oltre ad operare nelle strutture residenziali, è in grado di compartecipare alla costruzione di un sistema integrato territoriale basato sulla centralità della persona e attento al coinvolgimento delle comunità di cura”.

“Crediamo che il risultato del lavoro di tale Commissione -conclude l’Alleanza- debba basarsi su una modalità di co-programmazione partecipata mettendo a sistema i vari contributi per elaborare una proposta che sia sostenibile, appropriata all’evoluzione delle esigenze e rispettosa dei diritti di tutti i cittadini a partire da quelli più fragili”.

Pubblicato in Nazionale
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30