Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 08 Marzo 2021

Martedì, 16 Febbraio 2021 - nelPaese.it

Prorogare la cassa integrazione Covid oltre la scadenza attuale; attivare subito nuovi e più efficaci strumenti di politiche attive; avviare, alla fine dell’emergenza, una riforma degli ammortizzatori sociali in direzione di un ammortizzatore unico, in grado di superare limiti e differenze degli strumenti attuali; prevedere un percorso graduale di allentamento del divieto di licenziamento, che si ponga in alternativa al ricorso agli ammortizzatori sociali.

Sono queste, in sintesi, le principali proposte avanzate dal Presidente dell’Alleanza delle Cooperative, Mauro Lusetti, e dai Copresidenti Maurizio Gardini e Giovanni Schiavone, in occasione dell’incontro con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Andrea Orlando. 

“Le difficoltà che investono l’economia del Paese -dicono i rappresentanti dell’Alleanza- continuano a far sentire i loro pesanti riflessi sull’attività delle imprese e sull’occupazione; pensiamo, perciò, che dal divieto di licenziamento in scadenza il 31 marzo sia opportuno uscire attraverso un percorso graduale, prevedendo un regime differenziato: impossibilità di licenziare per le imprese che utilizzano gli ammortizzatori Covid, possibilità di farlo per quelle che non li usano. Va anche previsto l’affiancamento di specifiche politiche attive, promuovendo strumenti che favoriscano, ove possibile, prepensionamenti in ottica di ricambio generazionale e attivando una collaborazione diretta tra Centri per l’impiego e azienda”.

Per rendere effettivo questo percorso graduale, è necessario, secondo l’Alleanza delle Cooperative, estendere oltre le attuali scadenze l’intervento degli ammortizzatori sociali COVID, seppur contenuto nel tempo e in modo differenziato in relazione a situazioni aziendali e di settore.

L’Alleanza delle Cooperative sottolinea, inoltre, la necessità di “attivare da subito nuovi e più efficaci strumenti di politiche attive in termini di ricollocazione, formazione, riqualificazione dei lavoratori, immaginando un’interazione tra pubblico e privato, anche attraverso il supporto delle agenzie di somministrazione, nel processo di ricollocazione. Sarebbe anche opportuno valorizzare percorsi di autoimprenditorialità in forma cooperativa, in particolare sostenendo con specifiche politiche fiscali o contributive l’esperienza dei workers buyout, uno strumento che consente di dare risposta a crisi aziendali salvaguardando occupazione, competenze, patrimoni produttivi”.

Per quanto riguarda la riforma complessiva degli ammortizzatori sociali, da calendarizzare ad emergenza finita, l’Alleanza delle Cooperative auspica la definizione di un ammortizzatore sociale unico, che ampli la platea dei soggetti attualmente garantiti, con un mix di politiche contributive, assicurative e mutualistiche, alimentato da tutte le imprese e, in quota parte, dai lavoratori, e con aliquote di costo progressive che scoraggino usi strumentali. Infine, tale strumento, dovrebbe coesistere sia con le attività lavorative che con quelle di formazione e riqualificazione professionale.

Su quota 100, l’Alleanza delle Cooperative sottolinea come le domande pervenute siano di gran lunga inferiori alle stime iniziali e ribadisce l’opportunità che l’accesso del lavoratore a questa opzione possa essere anche incentivata economicamente in forma diretta dalle imprese, prestando particolare attenzione alle fasce più vulnerabili. Da questo punto di vista si potrebbero immaginare meccanismi di potenziamento di alcuni strumenti, come ad esempio la R.I.T.A. (Rendita Integrativa Temporanea Anticipata).

 

 

 

Pubblicato in Nazionale

L'Amazzonia brasiliana sta affrontando una seconda ondata catastrofica di Covid-19. A Manaus, capitale dello stato di Amazonas, tutti i posti letto in terapia intensiva sono pieni e le liste di attesa dei pazienti gravi o critici non sono state smaltite nelle ultime settimane.

A gennaio le morti per Covid-19 sono state 2.552, cinque volte di più rispetto a dicembre (460 vittime) e poco sotto i 2.850 morti registrati nel picco della prima ondata nei mesi di aprile e maggio. La saturazione del sistema sanitario a Manaus comporta ritardi o perfino l'impossibilità di effettuare trasferimenti dei pazienti critici dagli ospedali periferici, costretti così ad adottare misure di emergenza per far fronte al numero crescente di malati.

"Il nostro piano A consisteva nel cercare di rallentare il flusso di pazienti critici, aumentando le cure intermedie per i casi moderati e gravi, ma quel piano adesso è fallito" dichiara Pierre Van Heddegem, coordinatore dell'emergenza Covid-19 di MSF in Brasile. "Ora siamo nel pieno del piano B: forniamo cure salvavita in strutture che non hanno un'unità di terapia intensiva e con la preoccupazione quotidiana di rimanere senza ossigeno. Questa seconda ondata di Covid-19 sta travolgendo tutto e tutti, stiamo facendo il possibile per superare ogni giorno. Abbiamo paura di non tenere il passo".

A Tefé, a pochi giorni di navigazione da Manaus, MSF sta aiutando l'ospedale regionale a diventare centro di riferimento per cure Covid-19, spostando gli altri reparti in edifici vicini, come una scuola. In circostanze normali, questo ospedale rurale trasferirebbe tutti i pazienti critici in ambulanza aerea a Manaus, ma con la maggior parte dei letti Covid-19 pieni deve trovare il modo di curare i pazienti critici in loco. Per ora la capacità del centro di trattamento Covid-19 è passata da 27 a 67 posti letto, superando ogni limite. Il team di MSF ha svolto sessioni di formazione ai medici e infermieri che si occupano di pazienti Covid-19 critici e con necessità di ossigeno, il cui apporto è una preoccupazione costante.

"A Tefé raschiamo il fondo ogni giorno" continua Van Heddegem di MSF. "Ci sono stati giorni in cui siamo arrivati molto vicini a una situazione disastrosa". Un nuovo generatore di ossigeno è stato appena installato dalle autorità, ma al ritmo di utilizzo attuale, anche il nuovo strumento potrebbe non fornire ossigeno a sufficienza per tutti i pazienti. MSF è in azione per importare con urgenza decine di concentratori di ossigeno per colmare parte delle lacune di Tefé e Manaus.

A Manaus, MSF supporta l'unità di emergenza José Rodrigues (UPA) che dovrebbe fornire solo un livello di assistenza intermedia, curando i pazienti che non necessitano di un ricovero ospedaliero. Ma come a Tefé, con i posti letto al completo nell'ospedale Covid-19 di Manaus, questo centro deve ora trovare il modo per curare anche i pazienti positivi più gravi. "L'unità d'emergenza era satura e mancavano dottori, infermieri e protocolli di terapia intensiva" afferma Fabio Biolchini Duarte, coordinatore di MSF a Manaus. "Inizialmente l'unità aveva 18 letti e 45 pazienti, praticamente era diventato un ospedale Covid-19. È una delle strutture sanitarie in cui sono morti diversi pazienti per mancanza di ossigeno".

Il personale medico e non medico che lavora in questa unità di emergenza e negli ospedali più grandi subisce un carico emotivo sempre maggiore vedendo morire pazienti ogni giorno. MSF fornisce supporto psicologico anche nell'ospedale più grande di Manaus, l'Hospital 28 de Agosto, dove un team medico aveva già fornito assistenza durante la prima ondata. "Gli operatori sono incredibilmente dediti ma sono anche esausti" afferma la psicologa di MSF Andréa Chagas. "Molti di loro non trovano pace nemmeno a casa poiché hanno parenti malati o hanno perso i propri cari. La velocità e l'intensità degli eventi non lasciano spazio per elaborare così tante emozioni".

Nello stato di Amazonas, MSF gestisce o supporta quasi 100 posti letto Covid-19, attività che assorbe la maggior parte delle capacità del team di emergenza, che porta comunque avanti alcune attività di prevenzione. Le équipe di promozione alla salute sono in azione per intervenire in punti strategici a Manaus, diffondendo linee guida per l'igiene, la distanza sociale e i test. L'obiettivo è garantire diagnosi rapide e follow-up per i pazienti positivi al Covid-19 per evitare l'aggravarsi delle loro condizioni.
MSF ha esortato con successo le autorità sanitarie di Tefé e di São Gabriel da Cachoeira a utilizzare i test antigenici rapidi e continua a sollecitare anche le autorità di Manaus e di altre aree colpite a fare meno uso dei test sierologici, generalmente più utilizzati in Brasile.

Un'équipe di MSF è in azione a São Gabriel da Cachoeira, dove la situazione sembra stabile ma è necessaria un'attenzione continua. Il team sta supportando il centro sanitario per la cura dei pazienti positivi al Covid-19 e gli educatori sanitari stanno fornendo linee guida su igiene e distanziamento sociale nei barracões, luoghi in cui alloggia la popolazione indigena quando si reca in città. Questo dovrebbe consentire il monitoraggio dell'infezione anche tra le popolazioni indigene.

Inoltre, le équipe di MSF si stanno preparando per una possibile ondata di Covid-19 a Boa Vista, la capitale del vicino stato di Roraima.

Pubblicato in Dal mondo
  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Febbraio 2021 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28