Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 25 Aprile 2019

Si avvierà con il seminario nazionale "Uno, due, tre ...pronti via!" il progetto Bella Presenza: metodi, relazioni e pratiche nella comunità educante, il prossimo 7 settembre a Napoli, nella sede della Cooperativa sociale Dedalus, ente capofila del progetto selezionato da Con i Bambini, nell'ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

L'idea di fondo del progetto è che la bellezza, riconosciuta come valore chiave per orientare l'agire educativo e pedagogico, consenta la scoperta di risorse anche nei contesti più fragili e che insieme alla presenza, alla consapevolezza e al protagonismo dei giovani, serva a valorizzare le competenze, i desideri e le aspirazioni di tanti giovani privati della stessa possibilità di cittadinanza.

Protagonisti sei territori in tre regioni italiane, Campania, Piemonte e Toscana, che, per quanto presentino tratti diversi, sono accomunate dalla presenza di tessuti sociali variegati e multiculturali attraversati da crisi e trasformazioni socioeconomiche, strutturali e demografiche con un sistema socio-educativo e culturale che fatica a prevenire la dispersione scolastica.

"Bella presenza vuole essere un laboratorio permanente di ricerca e sperimentazione di metodi, idee e attività tese a contrastare la povertà educativa – spiega Andrea Morniroli project manager del progetto - dentro un'idea di fondo che colloca il lavoro educativo in una dimensione politico-culturale orientata a trasformare l'esperienza in proposta di orientamenti e indirizzi di policy locale e nazionale. Partiamo dai bisogni di una scuola pubblica troppo spesso maltrattata, ma in tante periferie e luoghi fragili, unica istituzione ancora in grado di dialogare con pezzi di società che si sentono abbandonati e lasciati indietro."

Il partenariato è composto da oltre sessanta realtà - con la scuola attore primo e indispensabile e la cooperativa Labins di Torino e Oxfam Italia rispettivamente capofila delle reti piemontesi e toscane - che collaboreranno per individuare le specificità e i metodi di intervento più efficaci nel contrasto alla povertà educativa, per cogliere possibili intrecci e modalità da replicare nei tre contesti regionali, nonché elementi di policy da proporre ai partner istituzionali a livello locale e nazionale.

A Napoli la due giorni di lavori collettivi costituirà un primo passo per la trasformazione del progetto da idea in realtà. La plenaria di venerdì 7 settembre (dalle 11.30 alle 14.00) verrà aperta da Elena De Filippo, Presidente della Cooperativa Dedalus, che vanta una lunga esperienza di lavoro in contesti di povertà educativa e disagio socio-economico. Seguirà la comunicazione artistica di Gabriele Vacis, regista teatrale e drammaturgo e la testimonianza di un ragazzo di Officine Gomitoli, il centro interculturale gestito da Dedalus. A seguire gli interventi di alcuni dei partner che entreranno nel merito dei singoli aspetti di quella che è stata delineata come la cornice condivisa di intervento e di metodo che il progetto vuole mettere in campo.

Hanno confermato la loro presenza Carlo Borgomeo, Presidente Impresa Sociale Con i Bambini, soggetto attuatore del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, che ha sostenuto il progetto; Annamaria Palmieri, Assessore alla scuola del Comune di Napoli, coinvolto in alcune delle attività del progetto e Cesare Moreno dell'Associazione Maestri di Strada.

Il pomeriggio di venerdì sarà dedicato ai laboratori tematici e la due giorni si concluderà con una plenaria nella mattinata di sabato in cui verranno condivisi i risultati dei laboratori e stabilite le prossime tappe del progetto.

 

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Aprile 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30