Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Domenica, 20 Gennaio 2019

"Stavo facendo un bagno quando è arrivato lo tsunami" racconta Elis, una madre di 30 anni, incinta di 7 mesi. Lei e la sua famiglia erano a casa quando lo tsunami ha colpito la costa dello Stretto di Sunda il 22 dicembre scorso. La loro casa era situata sulle rive di Laba Kampong, villaggio di Cigondang, distretto di Labuan. Vivevano proprio accanto alla casa dei suoi genitori.

Quando la prima ondata ha colpito la zona, il marito di Elis, Purwanto ha gridato: "Tsunami! Tsunami!" in modo che Ellis e la loro figlia si precipitassero dalla vicina di casa per trovare rifugio. "Quando mio marito ha urlato, ho indossato i vestiti più velocemente possibile mentre lui stava rientrando in casa per aiutarmi, la seconda e più violenta ondata ha colpito la nostra casa" racconta. L'onda forte, più alta di un palo della luce alto circa 7-12 metri lì vicino, ha distrutto la loro casa riducendola in macerie. Purwanto, 35 anni, è rimasto ferito quando la sua gamba sinistra è stata colpita dal tetto di lamiera dell’abitazione. Elis era intrappolata all'interno della casa tra una credenza e una scrivania e tra le macerie rimaste della loro casa.

"Ho provato a proteggere la mia pancia in modo che non fosse colpita da nulla. Non potevo vedere mia figlia nè mia madre e mio padre. Sono riuscita a sentire soltanto la voce di mio marito che mi chiamava", continua Ellis. Fortunatamente, anche se ferito, Purwanto è riuscito a salvare Elis ma purtroppo non riuscivano a trovare la loro figlia né i loro genitori anziani.

Costretti a dirigersi al centro di salute di Labuan, Elis e Purwanto hanno percorso 2 km a piedi verso il centro di salute di Labuan e lungo la strada un uomo ha offerto loro un passaggio in moto. Nel centro mentre aspettavano di essere curati, hanno continuato a cercare informazioni sulla loro famiglia. "Quella notte, finalmente abbiamo saputo che nostra figlia era al sicuro ed era con mia sorella e il giorno dopo siamo riusciti a trovare anche i miei genitori anche loro feriti" racconta Elis con un sospiro di sollievo.

Elis e suo marito sono stati curati dall’équipe MSF presso il centro di salute di Labuan. "Ho incontrato Ibu Dina, ostetrica di MSF e il dottor Santi al Labuan Health Center che hanno controllato le mie condizioni e quelle del bambino. Avevo lividi con gonfiore quasi su tutto il corpo ma grazie a Dio, la mia bambina sta bene, "ha detto Ellis con un sorriso. La donna è rimasta al Labuan Health Center per i tre giorni mentre il marito, la madre e il padre sono stati portati all'ospedale di Pandeglang perché avevano riportato ferite piuttosto gravi.

Nell'ottavo giorno di risposta all’emergenza, l’équipe di MSF ha visitato Elis e la sua famiglia a casa della sorella maggiore, dove si trovano temporaneamente dopo le dimissioni dall’ospedale, e le loro ferite stanno migliorando: "Vogliamo trovare presto un nuovo posto dove abitare. So che ora è difficile ma non voglio che il mio trauma influisca sul mio bambino. Ora sto bene, "dice Elis.

Supporto di Medici Senza Frontiere alle vittime dello tsunami

Dal febbraio 2018, MSF è operativa nel distretto di Pandeglang con un progetto di salute per gli adolescenti in collaborazione con il Ministero della Sanità indonesiano.

Dopo lo tsunami, l’équipe medica di MSF ha visitato e supportato immediatamente i centri sanitari di Labuan e Carita, due delle zone più colpite. Lo tsunami ha colpito cinque distretti nelle province di Banten e Lampung in Indonesia. Tra questi, il distretto di Pandeglang è stato il più colpito.  Con il sostegno di MSF, i centri sanitari Labuan e Carita continuano i loro servizi medici.

L’équipe di MSF ha fornito servizi di gestione dei casi medici, prevenzione delle infezioni e gestione dell'igiene, dell’inventario e altri bisogni nei centri sanitari, attività di importanza primaria per assicurare continuità nell’assistenza ai pazienti. Inoltre MSF ha attivo un servizio di cliniche mobili che hanno raggiunto 15 villaggi nei distretti di Labuan e Carita, a Pandeglang, dove sono stati curati pazienti che non hanno avuto accesso ai centri sanitari, fornendo servizi come la cura delle ferite, assistenza alle donne in gravidanza e durante il parto, il trattamento di malattie e infezioni croniche. Sono stati forniti anche ilprimo soccorso psicologico e il sostegno psicosociale e nei prossimi giorni verrà lanciato un programma di sostegno alla salute mentale.

Finora MSF ha condotto 326 consultazioni mediche (223 donne e 103 uomini) di cui 45 pazienti sotto i cinque anni e ha curato 16 madri in gravidanza. I casi clinici più comuni riscontrati sono stati infezioni del tratto respiratorio superiore, mialgia, cefalea e traumi accidentali.

 

 

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Gennaio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31