Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 22 Ottobre 2018

I livelli di PM10 registrati di media (39 microgrammi per metro cubo con picchi a 150 microgrammi) per la Città di Torino sono drammatici e sono quelli che poi portano al dato dell'Agenzia europea dell'ambiente che spiega come solo in Italia muoiano più di 90.000 persone a causa dello smog. Ieri Legambiente ha pubblicato il Rapporto Mal'aria 2018 dove si evince come il Nord sia nella morsa dello smog

Sono anni che le nostre associazioni, da FIAB (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) a Legambiente, ripetono queste affermazioni e sono anni che vengono tacciate come “talebane ambientaliste”.  “La bicicletta ci salverà”, come dice il fortunato titolo di una recente trasmissione, anche questo lo diciamo da anni, ma i segnali sono poco incoraggianti: dal taglio degli investimenti dei comuni all'esclusione di Paolo Gandolfi, promotore della Legge quadro sulla mobilità ciclistica, la sensazione è che le amministrazioni continuino a rifiutarsi di affrontare il problema in modo strutturale, preferendo continuare ad affidarsi a soluzioni emergenziali di dubbia utilità.

"E’ il momento di svoltare: non c’è nulla di ideologico nelle nostre battaglie - commenta Fabio Zanchetta, presidente di Bike Pride Fiab Torino - ma puro pragmatismo che deve essere tradotto azioni forti, concrete, a tutti i livelli, anche se impopolari.  L'oggetto del contendere non è qualche metro quadrato di spazio in più o in meno, da affidare alle auto o alle biciclette: qui stiamo discutendo della salute di tutti, del futuro delle prossime generazioni e del diritto ad una vita sana". 

 

 

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Ottobre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31