Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 23 Settembre 2019

UTENTI DISABILI E CITTADINANZA ATTIVA: UN PROGETTO EUROPEO A BOLOGNA

Scritto da  Giuseppe Manzo Dic 09, 2013

Cadiai in Europa per rappresentare l’Italia nel nuovo progetto Europeo Grundtvig FOR.C.A. Sarà infatti la cooperativa sociale bolognese a far parte del gruppo che ha il compito di portare avanti un percorso sulla cittadinanza attiva degli utenti disabili articolato in tre diversi ambiti: il luogo di vita, il luogo di lavoro e la partecipazione alla vita pubblica nella propria realtà.

E proprio a Bologna ci sarà il primo incontro tra i rappresentanti dei sette paesi partecipanti: Italia, Francia, Spagna, Lussemburgo, Portogallo, Svizzera e Belgio. Il 10 e l’11 dicembre si svolgerà il meeting che coinvolgerà circa 20 persone tra educatori e ragazzi disabili, i veri protagonisti del progetto. “L’incontro di Bologna rappresenta un momento molto importante perché è il punto di partenza dell’intero progetto - afferma Franca Guglielmetti, Presidente della Cooperativa sociale -. L’impegno di CADIAI è quindi massimo nell’accogliere e nell’ospitare la delegazione europea che avrà il compito di definire i passaggi futuri. Il programma prevede diversi momenti di confronto, ma anche una visita della città per rendere quanto più piacevole possibile il soggiorno a Bologna”.

Punto di partenza del progetto, approvato lo scorso giugno, e allo stesso tempo principio su cui si basa è l’articolo 29 della Convenzione ONU che sancisce l’importanza della partecipazione attiva degli utenti e propone un modello di welfare inclusivo e garante di pari opportunità anche per le persone disabili. L’obiettavo principale è quindi di fare in modo che i ragazzi disabili siano i principali protagonisti, sia nell’ideazione del percorso che nella gestione del progetto stesso.

I vari Paesi coinvolti dovranno innanzitutto individuare buone prassi sul tema dei diritti di cittadinanza delle persone disabili per dare loro una maggiore consapevolezza del proprio ruolo ed aiutarli ad identificare i propri bisogni e a trovare risposte soddisfacenti e condivise. Successivamente saranno attivati percorsi formativi basati su tre passaggi principali: la formazione di tutti i soggetti interessati; la creazione di un organo consultivo e di spazi di scambio; lo sviluppo di nuovi approcci per sostenere le esigenze specifiche della partecipazione delle persone disabili in ambito pubblico.

Tutti i partner dovranno inoltre individuare gli eventuali ostacoli esistenti e gli strumenti per promuovere: lo sviluppo di competenze pratiche per diventare cittadini attivi; la creazione di proposte di cooperazione e dialogo; la formazione di professionisti con lo scopo di sostenere le persone disabili nella loro auto-rappresentazione locale; lo sviluppo di mezzi di comunicazione accessibili che facilitino la partecipazione e l’auto-rappresentazione.

“Partecipare ad un simile progetto è per CADIAI un risultato molto importante – spiega Guglielmetti – ed in linea con la mission della cooperativa. Il confronto con altri Paesi e allo stesso tempo la possibilità di proporre le esperienze fatte fino ad oggi rispetto alla partecipazione attiva dei disabili nella società, in casa e nei luoghi di lavoro rappresenta un momento unico ed una opportunità per mettere a punto progetti all’avanguardia che creino nuovi approcci e nuovi metodi ed aumentino la condivisione delle conoscenze, consentendo di avere una visione lungimirante verso il futuro”.

Redazione Emilia Romagna

@nelpaeseit

L'ultima modifica Lunedì, 04 Settembre 2017 15:05
Giuseppe Manzo

Giuseppe Manzo

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Settembre 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30