Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 11 Dicembre 2018

ANTIGONE: "DECRETO SALVINI: NON SICUREZZA, MA POPULISMO PENALE" In primo piano

Scritto da  Angelica Spampinato Nov 13, 2018
"A delle domande sociali il governo ha deciso di dare una risposta penale, utilizzando strumenti giudiziali per creare il consenso", queste le parole di Claudio Paterniti Martello, dell'associazione Antigone, in merito al decreto legge Sicurezza, approvato al Senato lo scorso 7 novembre. 

"È un decreto a cui noi ci siamo opposti in maniera chiara, netta e totale - aggiunge - Non c'è nulla di positivo, è stato emanato in nome di un'emergenza che non esiste, come possiamo leggere dagli stessi dati pubblicanti dal Ministero dell'Interno, secondo cui i reati sono in netto calo negli ultimi anni". 
 
"Il reato di accattonaggio e l'inasprimento delle pene per gli occupanti- continua- sono elementi che ci preoccupano. La società verrà resa più insicura, anche grazie a tutti i provvedimenti presi in materia di immigrazione. 
I cittadini stranieri potranno cadere nel circuito deviante e criminale molto più facilmente, ecco perché la nostra opinione su questo decreto è che sia ingiusto e produca solo più insicurezza. Si tratta di un'espressione avanzata e forte del populismo penale, in cui vengono individuati alcuni nemici, tra cui elemosinanti, clochard e migranti in condizione di vulnerabilità, alle cui domande sociali si risponde penalmente".
 
Secondo Paterniti Martello un ulteriore sovraffollamento delle carceri non ci sarà nell'immediato, ma posticipato nel tempo: "Tra la norma e la sua applicazione non è detto ci sia immediatezza, quello relativo al sovraffollamento delle carceri è un dato che misureremo nel corso del tempo. Sicuramente quando si inaspriscono le pene o si introducono nuovi reati, la situazione carceraria già delicata, ne risente".
 
E per quanto riguarda l'idea di sperimentare il Taser? "Il Taser è un'arma a tutti gli effetti - risponde- c'è un'inchiesta di Reuters che ha documentato che le vittime principali di questo strumento sono donne incinta, persone con problemi cardiaci, o problemi mentali. Verrà usato principalmente contro dei soggetti problematici, contro chi non si riesce a contenere, come ad esempio persone con patologie psichiatriche. Questo strumento è stato introdotto in fase sperimentale, ma ci si era prefissati lo scopo di capire prima quali fossero i rischi e le conseguenti precauzioni da prendere, invece non si è attesa la fine delle sperimentazioni che anche la polizia municipale ne è stata dotata. Ci troviamo di fronte a una procedura chiaramente non coerente, considerando che tra l'altro la polizia municipale dovrebbe occuparsi di viabilità, visto che a Roma ancora si muore mentre si attraversa la strada".
 
Paterniti Martello ha chiara la risposta da dare ai sostenitori del Taser come arma alternativa non letale alle armi da fuoco: "Si tratta di strumenti che andranno a sostituire i manganelli, non le armi da fuoco, che sono utilizzate in contesti diversi".
 
Un decreto che andrebbe riscritto, e non emendato, dunque: "La parte più preoccupante è quella che riguarda la protezione umanitaria e la fragilizzazione dello statuto dei migranti. Nei confronti di queste persone è stato prevista una privazione della libertà anche senza aver commesso alcun reato, con la scelta di trattenere negli hotspot gli ospiti per 30 giorni ai fini identificativi, ed eventuali altri 180, qualora non si riuscisse ad identificarli subito, per un totale di sette mesi. Non abbiamo dato dei consigli correttivi perché questo è un decreto che andrebbe riscritto tutto, è completamente sbagliato".
 
Antigone continuerà quindi a opporsi fermamente al decreto Sicurezza: "Cerchiamo di esprimere la nostra preoccupazione e il nostro allarme in tutti gli ambiti in cui possiamo farlo: politico, mediatico e accademico. Bisogna fare opposizione culturale, esprimendo le ragioni del garantismo penale", conclude Paterniti Martello.
 
 
L'ultima modifica Mercoledì, 14 Novembre 2018 11:02
Angelica Spampinato

Angelica Spampinato

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31