Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Martedì, 24 Novembre 2020

LE PROPOSTE DEL GRUPPO #5BUONERAGIONI PER BAMBINI, RAGAZZI E FAMIGLIE In primo piano

Scritto da  Redazione Ott 19, 2020

Continua il dialogo tra un gruppo di parlamentari e i rappresentanti del Terzo Settore. Sul tavolo c'è la formulazione di proposte delle organizzazion non profit per spingere il governo ad affrontare il tema relativo alla tutela dei diritti e dei bisogni dell’infanzia.

L’iniziativa è stata presa dall’onorevole Lattanzio, che ha convocato, nella giornata di mercoledì 14 ottobre, un incontro del Tavolo Infanzia con le associazioni: si vuole arrivare alla redazione di un documento contenente proposte da inviare alla Commissione Bilancio.

Da sottolineare gli interventi di Samantha Tedesco e Liviana Marelli: presentandosi a nome del gruppo 5 Buone Ragioni Per Accogliere I Bambini Che Vanno Protetti, composto da diverse associazioni, come Cismai (Coordinamento Italiano Dei Servizi Contro Il Maltrattamento E L’Abuso All’Infanzia), Cnca (Coordinamento Nazionale Comunità Di Accoglienza) e Cncm (Coordinamento Nazionale Comunità Per Minori), le due rappresentanti hanno chiesto che si rifletta profondamente su alcuni temi considerati di primaria importanza, quali la necessità di nuove misure per i minorenni nelle carceri e la verifica della situazione relativa alle navi quarantena (prestando particolare attenzione ai minorenni e al rispetto dei loro diritti).

Infine, si è chiesto di prestare attenzione nei confronti dei care leaver, i neomaggiorenni cresciuti in comunità o in affido. Fondamentale, per Tedesco e Marelli, è che le diverse forze politiche collaborino attivamente, così da accelerare l’iter per l’accoglienza dei giovani.

Dopo gli interventi delle due attiviste, il gruppo di parlamentari ha presentato alcune proposte concrete: una maggiore integrazione tra politiche socio-educative e politiche sanitarie, l’inclusione dei patti educativi all’interno dell’area riguardante i patti sociali (centri diurni, centri di aggregazione e servizi extra-scolastici: in questo modo si contrastano le disuguaglianze e si sostengono le famiglie), il mantenimento di organismi adeguati, la garanzia di risorse economiche per l’attivazione dei livelli essenziali di prestazione, la garanzia di risorse economiche per le attività di presa in carico e accompagnamento (bambini e ragazzi), l’operatività (su tutto il territorio nazionale) delle tre linee di indirizzo (affido, comunità, famiglie fragili) e la possibilità, qualora sia istituita la Commissione Di Controllo Sulle Comunità (prevista dalla Legge 107/2020), che si vigili affinché questa sia effettivamente costituita da parlamentari competenti in materia, così da garantire la pluralità di presenza e di ascolto per le associazioni del Terzo Settore.

Il gruppo ha poi concluso dicendo che: "Nonostante i risultati raggiunti attraverso petizioni, proposte e lettere al Governo, i diritti di bambini e adolescenti sono spesso ignorati e secondari. A tal proposito non è ancora stata nominata una figura esperta di infanzia e adolescenza nella task force del Governo per la fase 2, una proposta che era stata sostenuta anche dall'Autorità nazionale garante infanzia e adolescenza. Considerato che l'emergenza Covid-19 non si è ancora conclusa, questa richiesta resta per noi valida e importante".

L'ultima modifica Lunedì, 19 Ottobre 2020 12:27
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Novembre 2020 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30