Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Giovedì, 13 Dicembre 2018

CARNE INDUSTRIALE, TERZO SETTORE E NIGER: IN EDICOLA IL NUOVO NUMERO DI ALTRECONOMIA In primo piano

Scritto da  Redazione Ott 01, 2018

Ogni anno nel mondo si consumano 250 milioni di tonnellate di carne (cinque volte rispetto al 1950), gli animali usano il 40% della terra arabile e per produrne un chilo servono 3 chili di cereali e 15mila litri di acqua. Non solo: i sistemi zootecnici sono responsabili del 18% delle emissioni di gas climalteranti. "Il mondo in cui viviamo richiede un ripensamento complessivo dei nostri stili di vita", spiega l'economia Raj Patel.

Nello stesso numero è possibile leggere:

 

– Bassi stipendi, precarietà e minacce. Le insidie del lavoro dei giornalisti. Il ritratto di una professione in radicale trasformazione e con molti più punti di debolezza rispetto al passato;

 

– Reportage dall’Iraq: così il Paese dei fiumi sta perdendo il suo patrimonio. I cambiamenti climatici e l’impatto delle grandi dighe in costruzione in Turchia e in Iran mettono a rischio il Tigri e l’Eufrate;

 

– Le proteste della società civile infiammano il Niger: in piazza contro l’autoritarismo del governo e la sua politica di austerity;

 

– Spagna, la porta d’Europa per le nuove rotte migranti. Reportage da Tarifa, la più meridionale città dell’Andalusia, dove approda chi hanno attraversato lo Stretto di Gibilterra partendo dal Marocco;

– Plastica usa e getta: l’ambiente e i bilanci ne risentono ancora. Vaschette, vassoi, pellicole e flaconi opacizzati abbondano sugli scaffali ma riciclarli è difficile;

 

– Esplorando l’Ecuador, 170 anni dopo. Viaggio nel polmone del Pianeta. Siamo tornati sui passi (rivoluzionari) dell’esploratore italiano Gaetano Osculati;

 

– Sovranità alimentare e turismo responsabile: le nuove sfide di Cuba. Ancora oggi l’isola importa oltre il 60% del cibo che consuma. C’è chi pratica un modello alternativo;

 

– Terzo settore: il cantiere aperto a due anni dalla legge di riforma. Dotarsi di nuovi strumenti e fare chiarezza sulla natura delle organizzazioni sono passaggi essenziali per guardare al futuro;

 

– Andrea Staid. L’antropologia, sapere di frontiera. Scrittore e docente, critica il concetto di multiculturalismo -che crea ghetti e barriere- a favore del meticciato;

 

– Anna Chiara Cimoli. Il museo è di tutti. Gli spazi espositivi non sono soltanto contenitori di oggetti ma luoghi di storie che devono prendere una posizione netta rispetto all’attualità.

 

 

 

L'ultima modifica Lunedì, 01 Ottobre 2018 16:51
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Articoli Correlati

Calendario

« Dicembre 2018 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31