Login to your account

Username *
Password *
Remember Me
Lunedì, 21 Gennaio 2019

RICHIESTE DI ASILO: LE RESTRIZIONI USA AGGRAVANO CRISI AL CONFINE MESSICANO In primo piano

Scritto da  Redazione Dic 19, 2018

Le politiche in corso e proposte per ridurre drasticamente la possibilità dei migranti di chiedere asilo negli Stati Uniti, insieme alla riluttanza del governo nel gestire velocemente le persone ai punti di ingresso lungo il confine tra Stati Uniti e Messico, hanno creato un limbo amministrativo che lascia i richiedenti asilo provenienti dal Centro America esposti a ulteriore violenza in Messico. Lo dichiara l’organizzazione medico umanitaria Medici Senza Frontiere (MSF) che da sei anni offre cure mediche ai migranti lungo la rotta messicana.

In Messico, MSF fornisce assistenza umanitaria a persone in fuga da orribili livelli di violenza in El Salvador, Honduras e Guatemala. Molti sono sopravvissuti all’omicidio di membri della propria famiglia, rapimenti, reclutamento forzato da parte di gruppi armati, estorsione e violenza sessuale. Molti di loro temono la morte e nuove violenze se costretti a tornare a casa.

“Anche se il divieto di asilo proposto dal governo statunitense è temporaneamente sospeso, molti dei nostri pazienti centro americani ci dicono che stanno evitando di attraversare il confine” dice Sergio Martìn, capo missione di MSF in Messico.“Temono che una volta arrivati negli Stati Uniti non potranno fare richiesta di asilo, e finiranno deportati in paesi dove le loro vite sono in pericolo”.

La grande maggioranza delle persone provenienti dall’America Centrale che attraversano il Messico stanno scappando da violenza, estorsioni e reclutamento forzato da parte di gang e criminalità organizzata in Honduras, El Salvador e Guatemala. Nel loro viaggio verso nord attraverso il Messico, molti sono esposti a ulteriori pericoli – assalti, estorsioni, violenza sessuale, traffico di esseri umani, rapimenti, trattamenti crudeli, disumani e degradanti, e torture da parte delle organizzazioni criminali che controllano queste rotte.

Secondo i dati medici delle persone curate da MSF nei ripari per migranti in Messico, il 68 per cento dei migranti che attraversano il paese ha subito qualche episodio di violenza. Un terzo delle donne è stata vittima di abusi sessuali. I dati indicano chiaramente che i migranti sono colpiti in modo mirato e subiscono tassi di violenza al di sopra della media. Questo contraddice l’idea che il Messico sia un paese sicuro per le migliaia di migranti che viaggiano verso nord anno dopo anno cercando protezione e rifugio.

“Stiamo parlando di persone che hanno disperatamente bisogno di misure di protezione efficaci, come l’asilo”, dice Martin di MSF. “Molti di loro sono a rischio sia nei loro paesi d’origine che in Messico. Costringerli a restare in Messico è disumano e illegale.”

Questi pericoli sono peggiorati negli ultimi mesi, poiché molti richiedenti asilo hanno paura di entrare negli Stati Uniti. Molte persone a rischio sono costrette a restare in Messico per settimane o anche mesi in condizioni precarie e in situazioni di vulnerabilità estrema. Solo a Nuevo Laredo, negli ultimi due mesi, uno ogni quattro pazienti visitati dalle équipe di salute mentale di MSF è stato vittima di un rapimento.

Per più di sei anni, MSF ha offerto assistenza medica e psicologica a migranti e rifugiati in transito attraverso il Messico, documentando la loro vulnerabilità e costante esposizione a episodi di violenza e abuso da parte di vari gruppi criminali che operano impunemente nel paese, e anche dalle autorità messicane.

MSF considera inaccettabili le recenti politiche statunitensi di contenimento e deterrenza della migrazione, incluse misure come la chiusura e la militarizzazione del confine tra Messico e Stati Uniti; l’eliminazione della violenza domestica e della violenza da parte di bande come motivo per concedere l’asilo; la separazione delle famiglie e dei minori non accompagnati nei centri di detenzione statunitensi; le deportazioni di massa dei migranti in luoghi in cui le loro vite sono in pericolo; così come i ripetuti tentativi da parte degli Stati Uniti di dichiarare il Messico come un paese sicuro per i richiedenti asilo in attesa di risposta alla loro richiesta. Sia la Convenzione dei Rifugiati che la Dichiarazione di Cartagena riconoscono il diritto di cercare sicurezza dalla violenza nella regione, e di proibire sia le deportazioni quando la vita di qualcuno è in pericolo, sia il trasferimento dei rifugiati in un paese terzo contro la loro volontà.

“È necessario che i governi coinvolti trovino una soluzione a questa crisi umanitaria nella regione”, dichiara Martin di MSF. “Devono essere garanti livelli adeguati di protezione, assistenza e risposta umanitaria per aiutare ad alleviare la sofferenza di persone costrette a lasciare tutto, e rispondere alla violenza estrema che devono affrontare sia nei loro paesi d’origine che nel viaggio attraverso il Messico.” MSF fornisce assistenza mentale e medica sulla rotta migratoria messicana dal 2012, a migranti e rifugiati principalmente da Honduras, Guatemala, El Salvador. Le nostre équipe hanno fornito assistenza negli stati di Tabasco, Veracruz, Tamaulipas, Oaxaca, Chiapas, Hidalgo, Messico, San Luis Potosì, Guanajuato, Jalisco e Città del Messico.

 

 

L'ultima modifica Mercoledì, 19 Dicembre 2018 10:28
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Assicurarsi di inserire tutte le informazioni necessarie, indicate da un asterisco (*). Il codice HTML non è consentito.

  1. Popolari
  2. Tendenza
  3. Commenti

Calendario

« Gennaio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31